Il pentito di mafia: “Riina deve uscire dal carcere solo morto”

Totò Riina (foto dal web)

Tiene ancora banco nel dibattito pubblico la sentenza della Cassazione che ha aperto alla possibilità di “una morte dignitosa” per Totò Riina. Dopo la presa di posizione di Rita Dalla Chiesa, parla ora il pentito di mafia Santino Di Matteo, padre di Giuseppe, il bambino ucciso e sciolto nell’acido su ordine del capo di Cosa Nostra, definendo l’ipotesi venuta fuori dalla Cassazione “una cosa vergognosa a prescindere dal fatto che ho perso un figlio”. Il collaboratore di giustizia, intervistato da Sandro Ruotolo per Fanpage, ha spiegato: “Parliamo di uno che ha ucciso duemila persone”.

“Umanamente bisogna curarlo, ma di là deve uscire soltanto quando ha smesso di vivere”, sottolinea Santino Di Matteo, parlando delle condizioni di salute di Totò Riina. Ruotolo ricorda al pentito di mafia di essere stato parte attiva nella strage di Capaci e questi replica: “Non è che io mi dovrei assolvere. Io ho fermato la macchina di guerra. Se non fosse stato per me, questa situazione sarebbe andata avanti ancora per anni. A me personalmente Falcone e Borsellino non avevano fatto nulla”.

Quando Santino Di Matteo seppe che il figlio Giuseppe era nelle mani di Cosa Nostra non si è fermato: “Non lo deve fare mai nessuno questo, quando uno intraprende una strada poi la deve portare a termine sempre. Perché quando si blocca e torna indietro è la fine pure per lui e non solo per lui”. Poi ricorda: “Quelli non sono uomini d’onore. Perché cercare un bambino, un innocente, uno che non c’entra niente e non sa niente per ucciderlo? Tu sei un vigliacco”. Aggiunge il pentito: “Mio figlio a 12 anni ha sconfitto la mafia, perché dopo che è morto lui si sono scoperchiate tante pentole”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM