Bambino picchiato brutalmente e bruciato, arrestata coppia

(Websource/web)

Dramma a Phoenix, in Arizona, dove il piccolo Christian Pearson è stato trovato morto domenica sera al ‘Children’s Hospital’, dove era stato portato tre giorni prima per delle gravi ustioni. I medici gli hanno riscontrato anche lesioni e ferite di altro tipo. Dopo tre giorni di agonia, il bambino è deceduto, e per quanto accaduto sono stati incriminati la 34enne Julianna Moreno e il 36enne Daniel Terry, rispettivamente la madre del bimbo e il compagno di lei. La coppia è accusata di maltrattamenti ed abusi su minore oltre che di omicidio di primo grado, con l’accusa originaria che era di tentato omicidio. Tutti e due si trovano sotto custodia nel carcere di Carm Verde, sempre a Phoenix, con il giudice che ha fissato una cifra per 2 milioni di dollari ciascuno per la cauzione. La morte di Christian almeno non è stata vana: i suoi organi sono stati donati. I soccorritori che lo hanno trovato lo scorso 8 giugno erano stati avvertiti da una telefonata anonima in cui si parlava di un bimbo che aveva delle difficoltà respiratorie. Successivamente Christian è stato raggiunto dai soccorsi ed aveva ovunque gravi ustioni di secondo e terzo grado, i particolar modo alla schiena ed alla testa. E non mancavano lividi disseminati ovunque. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la vittima è stata brutalmente picchiata e poi data alle fiamme, finendo in un coma irreversibile. Ancora sconosciuti i motivi dell’orribile delitto.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI