“Ho un buco in faccia, colpa della vicina di casa”

Daniela Farrow (Mirror)

“È orribile e molto visibile questa cicatrice e posso vedere la gente concentrarsi sul mio viso. Mi sento un mostro che guardandosi rivive ogni giorno quello che è successo”. Con queste parole parla di ciò che ha vissuto Daniela Farrow, una donna inglese di 37 anni che è stata aggredita con un feroce morso alla guancia durante una rissa con una vicina di casa per il latte. Tutto iniziò quando una delle quattro figlie di Daniela, di soli 13 anni, bussò alla porta della vicina per chiedere del latte dato che loro l’avevano finito. Lei, Hazel Gill, 36 anni, aprì la porta arrabbiatissima perché, a quanto ha raccontato lei stessa, aveva sentito bussare più volte e con violenza. A quel punto vista la situazione intervenne Daniela e così scoppiò la furibonda lite culminata col morso della guancia. La bimba urlava perché vedeva quel buco nel viso della mamma mentre altri vicini chiamavano la polizia.

Gli agenti hanno cercato a lungo il pezzo di carne mancante, ma purtroppo non è più stato trovato e così i medici non hanno nemmeno potuto provare la disperata operazione per ricucire l’enorme ferita. La beffa per la povera Daniela è che la vicina di casa e suo figlio Michael di 20 anni, anche lui protagonista dell’aggressione, sono stati del tutto scagionati dalle loro accuse poiché i giudici hanno creduto al loro racconto che parlava di un atto esclusivamente di legittima difesa.

F.B.