Venne uccisa dal marito: condannati i pm che sottovalutarono i rischi

Marianna Manduca (foto dal web)

Per ben dodici volte Marianna Manduca aveva denunciato gli abusi commessi ai suoi danni dal marito, Saverio Nolfo, fino al tragico epilogo, rappresentato dalla morte della donna, avvenuta dieci anni fa a Palagonia, nel catanese. Mai però i magistrati presero sul serio quelle denunce, secondo quanto ha stabilito la Corte d’appello di Messina, la quale ha condannato quei pm, sostenendo che nella loro inerzia ci fu dolo e colpa grave. Le denunce della donna, in sostanza, dovevano essere prese maggiormente in considerazione, andava trovato il modo di fermarlo, quel marito violento e padre di tre figli, il quale ora si trova in carcere per scontare vent’anni con l’accusa di omicidio.

Viene così riconosciuta la responsabilità civile dei magistrati, nello specifico di quei due pubblici ministeri che nel 2007 – quando avvenne l’omicidio di Marianna Manduca – lavoravano alla procura di Caltagirone, sempre nel catanese. Oltre ai due pm, deve rispondere delle proprie responsabilità, risarcendo le parti civili, anche la Presidenza del consiglio dei ministri. La sentenza arriva dopo il ricorso di un cugino della Manduca, che ha accolto i figli della donna rimasti orfani nelle Marche. I ragazzi hanno oggi 15 e 12 anni, per cui quando la loro mamma morì e il loro papà finì in manette erano solo dei bambini, costretti a vedere quotidianamente scene di abusi. “Io con questo ti ucciderò”, erano le parole che Saverio Nolfo avrebbe rivolto più volte alla moglie mostrandole il coltello e proprio quella è l’arma del delitto: sei i fendenti che risultarono letali. Una morte annunciata, quella di Marianna Manduca,che oltre al marito ha oggi anche altri responsabili.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM