Arriva il neonato robot, talmente realistico che respira e fa pipì

neonato robot
Un neonato robot prodotto dall’azienda Babyclon (websource)

La tecnologia ha fatto passi da gigante, soprattutto nel campo della robotica. Esistono macchine innovative che possono annaffiare il giardino, eseguire un’operazione al cervello e addirittura far finta di essere la fidanzata perfetta, tanto che qualcuno l’ha anche sposata. L’ultima innovazione in campo robotico è però un neonato robot iper realistico, fatto di silicone, che respira e fa la pipì. L’azienda spagnola Babyclon ha fatto molto parlare di sè dopo la fiera di Bilbao per il suo nuovo neonato robot. I neonati dell’azienda spagnola sono incredibilmente realistici e hanno già scatenato le offerte di gruppi di collezionisti che vogliono avere quei “bambolotti” che riescono a respirare e a succhiare un ciuccio. Questi gioiellini della robotica possono addirittura essere nutriti e poi fanno i bisogni a intervalli regolari. I neonati robot sono fatti di silicone medico, un materiale estremamente flessibile ed elastico, oltre che iper resistente. Secondo il brand, dato che il silicone contiene pochissimo olio, durerà più a lungo delle bambole dei competitor. Il processo produttivo di ogni singola bambola dura 3 mesi e, nonostante vengano prodotti in serie, non sono identici. L’ultima fase prevede il dipingerli ed è dove i neonati poi si differenziano l’uno dall’altro. Il prezzo è di circa 3500 euro per il neonato robot, in quanto necessita del lavoro di un ingegnere, mentre gli altri vanno dai 1190 ai 2500 euro.

Lavinia C.