Omicidio Erika Preti, emergono nuovi dettagli inquietanti

Erika Preti
Erika e il fidanzato Dimitri (Websource)

Proseguono le indagini in merito all’omicidio di Erika Preti, la ragazza di 28 anni di Biella uccisa con diverse coltellate a Lu Fralli, piccola frazione del comune di San Teodoro, in provincia di Sassari. Per la sua morte è stato messo nel registro degli indagati per omicidio volontario il suo fidanzato Dimitri Africano che si trovava in vacanza con lei al momento della tragedia. I due erano ospiti per una settimana di una coppia di amici. In un primo momento il ragazzo aveva dato una versione dei fatti che parlava dell’aggressione da parte di uno sconosciuto che si sarebbe introdotto nella loro abitazione. Ma da subito gli inquirenti apparivano poco convinti dal suo racconto pieno di incongruenze e palesi contraddizioni.

Per questo poco dopo la decisione di inserire nel registro degli indagati proprio il fidanzato di Erika. Lui al momento continua a proclamarsi innocente e sostiene ancora la tesi della tentata rapina. L’ematoma che ha in testa, spiega lui, glielo avrebbe provocato l’aggressore che ha anche ucciso la ragazza. Così, mentre gli inquirenti aspettano l’esito dell’autopsia sul corpo di Erika che potrà chiarire molte cose sull’accaduto, chi li conosceva parla di una coppia apparentemente affiatata. Alberto Racanzone, il proprietario della villetta dove è avvenuto il crimine e che era anche amico dei due fidanzati, aggiunge anche un dettaglio importante. Il ragazzo ha spiegato di quanto fossero una bella coppia e di quanto buono sia Dimitri e poi ha rivelato che dalla casa mancherebbero un orologio Rolex e 500 euro in contanti, versione confermata anche dalla moglie Donatella Borille a ‘Pomeriggio Cinque’. Un dettaglio che però né i Carabinieri né la procura hanno confermato.

La Borille ha dichiarato alle telecamere di Canale 5 di essere uscita per andare a lavorare e di aver incrociato Fricano: “Sono uscita pochi istanti prima che si consumasse il delitto, ho incontrato Dimitri che stava uscendo a comprare le sigarette e ci siamo salutati. Da allora non l’ho visto. Lui ci ha detto di essere tornato in casa per andare al bagno e di aver sentito degli strani rumori, e successivamente ha scoperto Erika a terra, ferita. Ci ha detto anche di aver visto l’aggressore: un uomo di carnagione scura con i capelli rasati”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.