Una visita “speciale” alla nonna ricoverata in ospedale: “Ho finto che fosse un bebè”

(Websource / Metro.co.uk)

Voleva regalare a sua nonna, ricoverata in ospedale per una reazione “anomala” a un trattamento medico che l’ha praticamente costretta alla paralisi, un attimo di spensierata allegria. E ci è riuscita, sebbene a costo di un piccolo “strappo” alle regole. Shelby Hennick, 21enne tecnico veterinario di Santa Maria, in California, ha fatto visita all’anziana degente nascondendo sotto al cappotto un’amabile cagnolina.

“Da due giorni non riusciva a camminare, come muoveva un passo per cadeva – racconta la ragazza – . Purtroppo mio nonno non ci sente bene, per cui si accorgeva che era caduta anche dopo ore e ore che lei era distesa sul pavimento”. Una grande sofferenza per lei, che è molto legata alla nonna ed è abituata a farle visita molto spesso, anche perché abita ad appena una ventina minuti di macchina da casa loro. Ma Shelby è affezionata anche alla cagnolina della nonna, Patsy, che da ben 13 è parte integrante della loro famiglia. “Vive con lei da quando aveva appena due settimane – racconta – e l’ha tirata su come un bambino. Tra loro due c’è un legame fortissimo!”.

Una giornata indimenticabile
Così, dopo tre giorni di ricovero in ospedale, Shelby sapeva che alla nonna mancava da morire la sua bestiolina, e ha deciso di farle una sorpresa che definire “speciale” è dir poco: “L’idea in realtà è venuta a mia madre – spiega la 21enne – . Ed è stata una cosa pensata e fatta, senza pianificazione… Avevo per caso una coperta in macchina, e l’ho usata per nascondervi Patsy. Quindi sono andata in ospedale facendo finta di portare con me un bebè. In ospedale già ci conoscevamo, per cui abbiamo semplicemente salutato e tirato dritto”. Se tutto è filato liscio è merito anche della bestiolina. “Patsy è stata bravissima, non ha mai fatto il minimo rumore – dice Shelby – . Mi ha solo leccato il braccio tutto il tempo. Penso che una delle infermiere avesse qualche sospetto, ma si è allontanata senza dire nulla. Grazie a Dio!”.

E la nonna? “Mia sorella ha partorito un annetto fa, e penso che all’inizio abbia pensato che portassi in braccio suo figlio. Anzi ne sono sicura: non appena mi ha visto ha esclamato: ‘Ooh, hai portato il bambino!’. Poi le ho messo tra le braccia Patsy ed è rimasta senza parole! Anche la cagnolina guaiva di gioia e non voleva staccarsi da lei”. “Sono stata veramente contenta di averle fatto questo regalo – conclude – . E sono sicura di averle fatto vivere una giornata indimenticabile”. L’idea è piaciuta anche al popolo del web: dopo aver postato su Twitter una foto dell'”impresa”, Shelby ha ricevuto più di 367.000 like!

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS