Gemelline siamesi separate dopo una lunga operazione – FOTO

(foto dal web)

Una lunghissima operazioe, perfettamente riuscita, quella subita da Erin e Abby Delaney, gemelline della Carolina del Nord che a luglio compiranno un anno. Le piccole siamesi erano nate unite dalla testa, condizione questa denominata “craniopagus”, che è quella più rara in assoluto. L’operazione è stata effettuata al Children’s Hospital di Philadelphia, un vero e proprio centro di eccellenza, con le sue 23 operazioni, lo scorso 7 giugno. Undici ore di intervento hanno visto coinvolti oltre trenta specialisti di varie branche: nella stessa sala operatoria, guidati dai dottori Gregory Heuer e Jesse Taylor, c’erano neurochirurghi, chirurghi plastici, anestesisti, infermieri. Ora le piccole sono tenute in terapia intensiva.

Un bel traguardo, per una vicenda che parte da lontano: Heather e Riley, genitori delle gemelline, erano infatti consapevoli della condizione delle piccole sin dall’undicesima settimana di gravidanza, ma non ci hanno voluto assolutamente rinunciare e sin da subito hanno iniziato a cercare centri specializzati di assistenza per affrontare ogni fase della gravidanza prima e del parto poi. Le bimbe sono nate da cesareo dieci settimane in anticipo rispetto alla scadenza naturale e alto era il rischio che non ce la facessero, come purtroppo troppo spesso si verifica in situazioni come queste.

Nei mesi scorsi, vi abbiamo raccontato la vicenda di Knatalye Hope Mata e Adeline Faith, due gemelline siamesi separate dopo una lunga operazione. Molto commovente era stata la vicenda di Jadon e Anias McDonald, da Ottawa, Illinois, due siamesi che sono rimasti uniti per tredici mesi, prima di essere sottoposti a un complicato intervento chirurgico. Sei settimane dopo quell’operazione, i due bimbi hanno finalmente potuto guardarsi in faccia e sul loro volto era ben visibile tutto lo stupore e la gioia di quel momento. Invece, Carmen e Lupita sono due sorelle siamesi di sedici anni, che condividono tutto: la scuola, gli amici e anche l’esame per la patente di guida. Ora però devono fare i conti con l’operazione che le dovrebbe separare.

Diverso il caso di Callie a Carter, due gemelle siamesi nate lo scorso gennaio nonostante i medici avessero consigliato alla loro mamma di abortire. I due genitori non intendono separarle e mamma Chelsea, 22 anni, ha dichiarato che prenderà in considerazione quell’ipotesi solo se insorgessero “problemi a livello medico” o se fossero loro a chiedere di essere divise; altrimenti sarà ben contenta di lasciarle crescere letteralmente unite.

GUARDA FOTO

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM