Grenfell Tower, il comportamento “sospetto” dell’inquilino del 4° piano

(Websource / Sun)

Ha raccolto le sue cose e preparato i bagagli, e in un secondo momento avrebbe lanciato l’allarme. Un comportamento che – se fosse confermato dalle indagini – si direbbe non proprio eroico, quello dell’inquilino del quarto piano della Grenfell Tower. La causa scatenante l’incendio che ha divorato il grattacielo di North Kensington, zona est di Londra, non è stata ancora accertata, ma una delle ipotesi più accreditate è che le fiamme siano partite dal frigorifero “difettoso” all’interno di un appartamento al quarto piano, proprio quello dove viveva l’uomo in questione.

A raccontarlo è sono i colleghi del britannico Sun, che riporta la testimonianza Maryam Adam, 41 anni e in dolce attesa. La donna, residente nella Grenfell Tower, ha raccontato di essere stata svegliata a mezzanotte e 50 minuti dal suo dirimpettaio, il quale avrebbe bussato alla sua porta dicendole che era scoppiato un incendio nel suo appartamento. Maryam dice anche di aver visto fuori dalla porta del suo appartamento un borsone pieno di vestiti, evidentemente preparati per la fuga. Come detto, l’inquilino avrebbe pensato prima di tutto a mettersi in salvo, e solo in seguito avvisato i vicini.

La tragedia in diretta
Maryan ricorda anche di aver intravisto il principio d’incendio nell’appartamento del vicino. “L’incendio era piccolo, all’interno della cucina. L’ho potuto vedere perché la porta dell’appartamento era aperta. Siamo passati davanti e andati via ma non c’è stato alcun allarme sonoro: se non avesse bussato alla mia porta non so cosa mi sarebbe successo”. La donna ha lasciato il telefono e tutti i suoi averi nell’appartamento, per cui non è stata in grado di mettersi in contatto con altri abitanti del palazzo. Il resto è una pagina di triste cronaca già entrata nella storia: un incendio che ha fatto almeno 17 morti e decine di feriti.

Dany Cotton, il capo dei vigili del fuoco di Londra che da 36 ore lavorano ininterrottamente per spegnere le fiamme, ha dichiarato che “data la gravità dell’incendio e le altissime temperature causate dalle fiamme, sarebbe un miracolo se qualcuno fosse rimasto vivo”. Le ricerche sono state momentaneamente sospese in quanto la stabilità del grattacielo non è considerata tale da poter garantire l’incolumità dei soccorritori.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS