Bambino di 8 anni muore in piscina, aperta un’indagine

Websource: Archivio

Un bambino di 8 anni è morto nella piscina comunale di Aosta, in piazza Tzamberlet, dopo aver accusato un malore. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto il piccolo, originario di Aymavilles, era giunto presso la struttura comunale in compagnia di un ragazzo più grande e di un adulto. Poco dopo aveva cominciato a nuotare nella piscina per rinfrescarsi dal caldo di una giornata afosa, ma improvvisamente è andato a fondo.

I bagnini della struttura lo hanno visto quasi subito e si sono gettati in acqua per soccorrerlo. Il piccolo, però, non rispondeva al massaggio cardiaco, così i bagnini sono andati a prendere il defibrillatore, mentre un medico presente nella struttura ha continuato il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. I soccorritori sono riusciti a far riprendere il battito del bambino grazie al defibrillatore, ma poco dopo il piccolo ha accusato una seconda crisi respiratoria che gli è stata fatale. Inutile l’intervento degli operatori del 118, il quali durante il trasporto all’ospedale Parini di Aosta gli hanno effettuato il massaggio cardiaco per lungo tempo, ciò nonostante, una volta arrivati al pronto soccorso, il piccolo è deceduto.

La tragedia di questo bambino di 8 anni si è verificata ieri pomeriggio, subito dopo pranzo (14:00). I bagnini lo conoscevano perché questo partecipava ai corsi annuali di nuoto della piscina indoor ed hanno affermato che si trattava di un ottimo nuotatore. Stando a quanto affermato dal medico legale, infatti, la morte non è dovuta ad un annegamento (nei polmoni non c’era traccia di acqua) ma ad un malore improvviso causato probabilmente da una congestione. Per questo motivo la procura ha aperto un indagine sull’accaduto e disposto un autopsia sul cadavere.

F.S.