Pescato un mostro a due teste, ecco cos’è in realtà

Websource: Archivio

Durante una battuta di pesca, un gruppo di pescatori olandesi si è trovato di fronte a quello che ad un primo sguardo poteva sembrare un mostro marino: un grosso cetaceo a due teste. Il curioso ritrovamento è stato fatto lo scorso 30 maggio a largo di Hoek van Holland, piccolo paesino marittimo di oltre 9 mila anime in provincia di Rotterdam.

I pescatori hanno spiegato di aver issato la rete per tirare a bordo il pescato del giorno, ma quando hanno rilasciato il contenuto sono rimasti interdetti: nella rete, infatti, era rimasto impigliato solo un cetaceo, una specie di delfino con due teste. Sicuri che si trattasse di una specie in via d’estinzione e convinti di incorrere in problemi legali hanno deciso di scattare una foto all’animale e gettarlo nuovamente in acqua.

Le foto sono state condivise sul web ed hanno attirato l’attenzione del professor Erwin Kompanje, biologo marino esperto in cetacei e curatore della sezione mammiferi del Museo di Storia Naturale di Rotterdam, il quale ha spiegato che si trattava di una rarissima focena a due teste. Si tratta di una rara malformazione genetica che si verifica quando la focena è incinta di due gemelli.

Solitamente il corpo del secondo esemplare viene assorbito dall’altro, ma ci sono casi (come questo) in cui il gemello non viene assorbito del tutto. Il professor Kompanje ha detto inoltre che sarebbe stato interessante avere modo di analizzare un simile esemplare, dato che nella storia ne sono stati rinvenuti solamente nove.

F.S.