Blitz della finanza a Roma, arrestati usurai legati alla Camorra

Un blitz della guardia di finanza ha portato all’arresto di 17 persone per riciclaggio e metodi mafiosi. La banda, legata al boss della camorra Michele Senes e al clan Casamonica, effettuava estorsioni e prestava soldi a strozzo con interessi altissimi e minacciava di morte i debitori. Tra le loro vittime anche il marito dell’ex pornostar Eva Henger, Massimiliano Caroletti, che insieme al suo consulente fiscale era stato ricattato e costretto a dare loro i proventi della fiction “Roma nuda”, le quote di un night club intestato alla moglie e addirittura un appartamento sulla Cassia di proprietà sempre della Henger. Il tutto per saldare un debito di 400.000 euro, come si evince dalle intercettazioni che mostrano un Caroletti decisamente preoccupato: “Lo so che finirò al cimitero”. L’intromissione della Henger, contraria a cedere i diritti del film, scatena l’ira del clan: “Se non pagano li ammazzo tutti e due”. A sgominare la banda è stata l’operazione “Luna Nera” della Dda, diretta dal procuratore aggiunto Michele Prestipino e condotta dai finanzieri del Gico. La maxi operazione ha portato 50 indagati e 17 arresti per associazione a delinquere aggravata dal metodo mafioso, oltre che alla confisca di beni del valore complessivo di ben 16,5 milioni di euro. Le intercettazioni effettuate dalle forze dell’ordine hanno portato alla luce altre gravi minacce nei confronti dei debitori: “Ci devono pagare lo strozzo, mi metto sulla moto e lo butto di sotto, tocca ammazzarlo”. La banda era ben strutturata in tutte le sue componenti e si avvaleva anche di persone colluse nei giusti ambienti. Basti pensare che tra gli indagati ci sono anche due funzionari della Banca del Fucino, due finanzieri e due ispettori dell’agenzia delle entrate.

S.L.