“Cedo latte materno in eccesso”: diventa vittima di molestie

Jen Bradshaw e il figlio Lucas (foto dal web)

Jen Bradshaw, 23 anni, da Wigan, è una giovane che voleva “donare” il latte materno in eccesso ma si è trovata a dover affrontare un feticista. Questi si è detto interessato infatti “all’alimentazione diretta”. La mamma di Lucas, venti mesi, aveva lanciato un appello in Rete nella quale si diceva disposta a dare del latte materno del quale non aveva bisogno. Tuttavia, dopo avere aiutato con successo una infermiera con del latte extra per oltre un mese, è stata poi avvicinata da un uomo che affermava di volere il latte materno per avere maggiori proteine. La conversazione prese rapidamente un “risvolto strano” dopo che questi ammise di volere il latte per “scopi ricreativi”. L’uomo ha anche tentato di organizzare incontri diretti con Jen Bradshaw, quando il compagno di lei, Matt Taylor, era fuori.

Ha raccontato la giovane mamma: “Sembra un po’ strano per un uomo voler allattare al seno di una sconosciuta. Era evidente che aveva un qualche tipo di feticismo”. Poi però la donna si tranquillizza: “Quando ho ricevuto il primo messaggio in cui mi diceva di volerlo imbottigliato, ho pensato che fosse un po’ strano ma allo stesso tempo, se avesse pagato non mi preoccupavo”. L’uomo aveva spiegato di aver bisogno del latte materno, in quanto un body builder. Presto, quando Jen Bradshaw prese informazioni sul potenziale cliente, scoprì che era sposato e dopo averglieli chiesto chiarimenti su questo, l’uomo insistette che sua moglie non doveva scoprirlo. Allo stesso tempo, aveva chiesto alla giovane mamma di incontrarla senza il suo fidanzato, ma lei rifiutò e decise di rendere pubblico quanto accaduto.

La donna ha spiegato: “L’uso del latte materno per il piacere sessuale è veramente strano. Anche lui era sposato e apparentemente la moglie non sapeva nulla. So che se il mio compagno volesse allattare da un’altra donna non sarei favorevolmente impressionata”. Jen Bradshaw, prima di questo spiacevole episodio, aveva donato il proprio latte materno a un’infermiera che ne aveva avuto bisogno: “Dopo poche settimane mi ha mandato a dire che non avevano più bisogno delle donazioni e mi ha mandato una bella cartolina e una scatola di cioccolatini”.

Le richieste in chat del feticista

Guarda Photogallery

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM