Champs Elysées, la “cattura” dell’attentatore prima dell’esplosione – VIDEO

(Websource / Daily Mail)

L’uomo che ha lanciato la sua Renault Megane contro un furgone della gendarmeria francese sugli Champs-Elysées a Parigi era noto ai servizi di sicurezza, che lo avevano schedato con la ‘fiche S’, quella riservata ai ricercati che rappresentano una potenziale minaccia per la sicurezza dello Stato. L’attentatore – di cui la Polizia ha confermato il decesso – è stato estratto dall’auto “in fumo” e poco dopo andata in fiamme, come mostrano le drammatiche immagini video che vi proponiamo. Un agente lo ha prontamente spogliato in cerca di un’eventuale bomba kamikaze.

L’individuo era in possesso di armi – tra cui un Kalashnikov – proiettili e una o due bombole di gas. I colleghi di Le Parisien parlano di un uomo di 31 anni nato ad Argenteuil, in Val-d’Oise che aveva con sé anche una pistola. Secondo le prime ricostruzioni, il sospetto ha superato il furgone sulla destra prima di lanciarsi contro l’altro veicolo. A quel punto si è scatenato l’incendio all’interno dell’abitacolo.

L’azione, che si è conclusa davanti al commissariato dell’VIII arrondissement, ha avuto luogo a poche centinaia di metri dall’Eliseo, dove questa sera il presidente Emmanuel Macron riceverà per una cena ufficiale il re di Giordania, Abdallah II. Non ci sono feriti e le forze di sicurezza sono state dispiegate in gran numero nella zona. L’atto “deliberato” contro i gendarmi è “terroristico” e l’inchiesta è stata affidata alla procura antiterrorismo e alla DGSI, i servizi francesi.

EDS