Jet russi intercettano aerei americani: sale la tensione

(Websource)

Sale la tensione tra Mosca e Washington. Il ministero della Difesa russo ha reso noto che alcuni jet Su-27 hanno intercettato due aerei da ricognizione americani R-135 in volo sul mar Baltico. La tensione, a quanto si apprende da fonti vicine al Cremlino, è salita alle stelle quando uno dei due velivoli americani ha compiuto una manovra azzardata definita «virata provocatoria» dai russi. L’aereo Usa si sarebbe avvicinato in maniera pericolosa ad uno dei caccia russi. La risposta del Pentagono non si è fatta attendere. “I nostri aerei non hanno fatto nulla per provocare questo comportamento da parte dei jet russi” ha fatto sapere Washington che ha anche definito la manovra dei velivoli di Mosca «non sicura».

Questo episodio avviene proprio all’indomani dell’annuncio con il quale la Russia aveva dichiarato che in Siria gli aerei militari americani sarebbero stati considerati degli obbiettivi. Un’escalation negativa nei rapporti tra i due Paesi dovuta all’abbattimento da parte di un F18 americano di un jet del regime siriano e da parte di un caccia F15 un drone delle forze pro-Assad che si trovava ai confini con la Giordania. A conferma della gravità della situazione sono arrivate anche le parole del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: «Sono molto preoccupato – ha detto – perché episodi simili rappresentano un grande pericolo».

F.B.