Juventus-Real Madrid, la ricostruzione di ciò che è accaduto all’intervallo della finale di Champions League

Juventus
Juventus (Photo by VI Images via Getty Images)

La finale di Champions League con il Real Madrid lascia ancora tanto amaro in bocca alla Juventus e ai suoi tifosi. Una partita strana, diversissima tra primo tempo (giocato bene dalla squadra di Allegri) e secondo tempo (praticamente non giocato dai bianconeri). La domanda che tutti si fanno è questa: ”Ma cosa è successo in quel quarto d’ora tra una frazione e l’altra?”. Il quotidiano La Stampa rivela delle indiscrezioni particolari di ciò che sarebbe accaduto all’interno dello spogliatoio del Millennium Stadium.

Da tempo, infatti, circolano sul web le ipotesi più disparate, ma questa sembra essere la ricostruzione più giusta. E d’altronde anche il Dg Marotta negli scorsi giorni non ha smentito del tutto queste voci: ”Io c’ero, e si è trattato solo di qualche discussione tattica”, ha detto. Ci sarebbe stato inizialmente uno ‘scontro’ Bonucci-Dybala. L’argentino, ammonito al 12′, è stato condizionato da quel giallo praticamente per tutto il match e proprio Bonucci si è scagliato a muso duro contro di lui nell’intervallo imponendogli di darsi una sveglia, visto che fino a quel momento era stato assente. Dani Alves, dal canto suo, ha fatto da paciere, e colpisce il fatto che proprio il brasiliano è stato il primo a consolare il compagno argentino, in lacrime, a fine match. E chissà che proprio quelle parole rilasciate dall’ex Barcellona in settimana sul fatto che Dybala debba lasciare la Juve per crescere, siano figlie proprio di quel che accaduto a Cardiff.

Poi, uno ‘scontro tra titani’ sarebbe andato in scena tra lo stesso Bonucci e Andrea Barzagli, due pilastri della difesa della Juventus e amici anche fuori dal campo. Ma l’adrenalina, si sa, gioca brutti scherzi e anche i due hanno avuto modo di litigare. Il primo accusava il secondo di dare troppa libertà a Marcelo sulla fascia, mentre il secondo, per tutta risposta, ha accusato il compagno-amico di esser intervenuto in ritardo sul gol di Ronaldo. Insomma, non un clima sereno per continuare un match. E infatti, nella ripresa, i bianconeri è come se fossero rimasti negli spogliatoi. E la coppa è finita ancora una volta nella bacheca del Real Madrid.

Marco Orrù