Napoli: effusioni hot in mezzo a centinaia di persone – VIDEO

    (ritaglio video)

    Lo hanno fatto in piazza San Domenico, in pieno centro storico di Napoli, non curanti delle decine di passanti che a quell’ora, di venerdì sera, la affollavano. Protagonisti della vicenda una coppia di giovani che ha tranquillamente consumato un rapporto orale. Il tutto è stato immortalato da un video finito in Rete, divenendo rapidamente virale. Prima infatti ha iniziato a circolare tra i gruppi Whatsapp, poi qualcuno ha preso a postarlo su Youtube e nel giro di poco detto è stato così visto da centinaia di migliaia di persone. La cosa che lascia davvero perplessi è l’atteggiamento dei presenti: nessuno interviene, né si scandalizza per quanto accade sotto i loro occhi.

    Quanto accaduto, denunciano ora i quotidiani locali, è in gran parte colpa della movida selvaggia, che impazza da Chiaia al Vomero. Infatti, in situazioni del genere, con l’alcol che scorre a fiumi e con molti locali che vendono cicchetti di superalcolici ad appena un euro, è facile che qualcuno degeneri in comportamenti di questo tipo. Dalle immagini, infatti, risulta evidente lo stato di ebbrezza dei due giovani. Poco più di un mese fa, si era verificato l’ennesimo caso tra le strade della Capitale.

    La denuncia parte ancora una volta dalla pagina Facebook ‘Roma fa schifo’, che dedica alla vicenda una sorta di editoriale: “A Piazza Indipendenza ci si accoppia in pieno giorno sul marciapiede”, si legge sul sito collegato alla pagina. L’episodio si è consumato mercoledì in tarda mattinata a Piazza Indipendenza, in pieno centro, accanto alla stazione Termini: su un giaciglio di rifiuti, un uomo e una donna hanno consumato un amplesso sotto gli occhi dei passanti, molti dei quali hanno deciso di immortalare con le fotocamere degli smartphone quanto stava accadendo di fronte al rischio di non essere creduti. Ad accorgersi di quanto stava accadendo anche alcune persone presenti nella redazione del ‘Sole 24 Ore’, che per primi hanno chiamato le forze dell’ordine, le quali hanno denunciato i due: uno dei due è un richiedente asilo che alloggia nel palazzo sotto il quale si è consumato l’amplesso in pieno giorno. L’edificio è stato occupato cinque anni fa.