(websource/archivio)

Dramma nel padovano, dove un carabiniere di 48 anni si è tolto la vita in caserma con un colpo di pistola. E’ accaduto ieri intorno a mezzogiorno. Il carabiniere, appuntato scelto dell’Arma, prestava servizio presso la stazione di Ponso. In quel momento era libero da servizio e si trovava nelle camerate della caserma. Non sono chiare le ragioni del gesto, ma da quanto si è appurato il carabiniere ha rivolto l’arma contro se stesso premendo poi in grilletto. Subito dopo, allarmati dal colpo, sono arrivati i suoi colleghi e hanno chiamato i mezzi del Suem 118, ma per il carabiniere non c’era nulla da fare.

Una tragedia simile meno di due settimane fa a Soresina, in provincia di Cremona, dove il comandante locale dei carabinieri si è tolto la vita. Il maresciallo Luigi Illustre, 50 anni, si è suicidato all’interno della caserma, sita in piazza IV novembre, intorno alle 5 del mattino rendendo vano l’intervento dei soccorritori che hanno potuto solamente constatarne il decesso. Illustre, che lascia la moglie e un figlio, viveva a Soresina da molti anni ed era molto amato dalla comunità, che oltre alla sua professionalità apprezzava il modo affabile di interagire con le persone.

Aveva destato molto scalpore e grande tristezza la storia di Giacomo Marzaro, 25 anni, giovane comandante della Stazione dei Carabinieri di Vallelunga Pratameno (Caltanissetta) che a fine gennaio ha deciso di porre fine alla sua brillante carriera nell’Arma e alla sua vita suicidandosi nel suo appartamento in caserma.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM