Dottoressa uccisa, l’amica: “Era perseguitata”

Websource: Archivio

La morte di Ester Pasqualoni, sgozzata davanti al reparto in cui lavorava, ha lasciato tristezza e rimpianto nei suoi amici più cari, incapaci di riuscire a comprendere fino a che punto fosse in pericolo. Sembra, infatti, che da tempo la dottoressa fosse vittima di un ex troppo pressante e che avesse persino sporto denuncia per stalking alle autorità in diverse occasioni, ed ora quell’uomo è il maggior indiziato.

Che si tratti di quell’uomo è sicura la sua migliore amica, la quale, dopo aver appreso della morte di Ester, ha scritto un commovente post su Facebook: “Quante volte sedute a ragionare di quell’uomo… quel maledetto che ti perseguitava… e non sono riuscita a risolverti questa cosa…e me lo porterò dentro tutta la vita…ti voglio bene… DONNA E AMICA SPECIALE…ti voglio bene…”.

L’omicidio è avvenuto ieri sera, nel parcheggio dell’ospedale, poco prima che la vittima se ne tornasse a casa dopo un turno di lavoro. A trovarla uno dei pazienti dimessi che, appena l’ha vista, ha subito chiamato i soccorsi; il primo ad intervenire è stato il dottor Piergiorgio Casaccia, il quale ai media ha confessato: “È morta tra le mie braccia. Una cosa assurda pensare che era Ester”. Casaccia aggiunge che in un primo momento non si è curato di guardare la vittima in viso, ma che ha pensato a prestarle le cure necessarie, poi quando è arrivata la polizia ha compreso che si trattava di Ester. Infine racconta la dinamica del suo intervento spiegando che al suo arrivo era già troppo tardi: “Ero in servizio mi hanno avvisato e sono corso. Ho trovato questa persona a terra riversa in una pozza di sangue. Quando sono arrivato non aveva più polso. Ho cercato di capire se potevo fare qualcosa. Ma era chiaro che non c’era più nulla da fare”.

Sul luogo dell’omicidio si sono recati i carabinieri e il sostituto procuratore di Teramo Davide Rosati per esaminare la scena del delitto. Il primo sospettato rimane l’uomo contro cui Ester aveva sporto denuncia, ma gli investigatori non escludono nessuna pista.

Websource: Google

F.S.