Per ottenere una riduzione di pena dice: “I miei figli erano nella Grenfell”

Websource: Liverpool Echo

Accusato per aver manipolato una giovane con gravi problemi mentali ed averle estorto con l’inganno 1000 sterline con la promessa di ritornarle, Brian Smith (38 anni e 33 precedenti penali tra cui alcuni per furto) ha provato a farsi ridurre la condanna puntando sul suo immenso dolore: sembra infatti che l’imputato sia padre di due bambini rimasti coinvolti nell’incendio della Grenfell Tower, una ragazzina di 14 anni ed un bambino di 8 che vivevano con la sua ex compagna nella torre. Entrambi si sono salvati da quell’inferno di fiamme ma sono ricoverati in ospedale con gravi bruciature.

L’espediente per quanto originale non ha funzionato ed il giudice, dopo aver constatato i fatti ha deciso per una condanna a 19 mesi. I fatti sotto analisi, infatti, risalgono ai mesi di febbraio e marzo (ben prima dell’incendio): Brian aveva preso contatto con la sua vittima tramite Facebook i primi giorni di febbraio e dopo qualche discussione le aveva chiesto del denaro con la promessa che presto le sarebbe tornato. Qualche giorno dopo l’ha fatta incontrare con un suo complice ed insieme a questo sono andati a prelevare il denaro dalla sua banca. Il trucco è stato ripetuto fino al 19 marzo, quando i genitori di lei si sono resi conto dei cospicui ammanchi di denaro nel conto della figlia.

La ragazza ingannata, infatti, pur avendo 25 anni ha un età cerebrale di 12 a causa di una grave malattia congenita conosciuta come sindrome di Niemann-Pick, a cui si aggiunge una grave forma di atrofia cerebrale. Sebbene abiti a casa dei nonni e possa chiedere a loro in caso di necessità, la ragazza è sempre stata spronata a gestirsi da sola, ma non è in grado comprendere i raggiri.

L’evidenza dei fatti non poteva che indurre il giudice a disporre una condanna, anche se l’imputato aveva provato a discolparsi dicendo di non essere a conoscenza delle condizioni di salute della ragazze e di non averla mai vista in faccia. Compreso che la condanna sarebbe stata inevitabile, l’avvocato della difesa ha provato ad ottenere uno sconto sulla pena presentando la prova della presenza dei figli dell’imputato alla Grenfell Tower, ma anche questo tentativo è stato vano.

Websource: BBC

F.S.