Si lancia nel vuoto da 15 metri, paura per un 19enne

(websource/archivio)

Paura nelle scorse ore a Jesi a causa di un ragazzo di 19 anni ha tentato di togliersi la vita lanciandosi da 15 metri di altezza in pieno centro. Il giovane ha riportato numerose fratture ed è stato portato immediatamente all’ospedale Torrette di Ancona, dopo che nel giro di pochi minuti i soccorsi sono giunti in via Mazzini, dove si è consumato il tentativo di suicidio. Secondo alcune fonti, seppur il giovane abbia riportato gravi fratture, non corre pericolo di vita. Sconvolti dall’accaduto sia i suoi familiari, che i residenti nella zona, alcuni dei quali hanno assistito a quanto accaduto. Non sono chiare le ragioni del tentativo estremo fatto dal ragazzo.

Si tratta del secondo episodio in pochi giorni nel grosso centro in provincia di Ancona: lo scorso 10 giugno, infatti, una donna di 35 anni è morta suicida dopo essersi gettata dal Torrione delle ex Carcerette di Jesi, un luogo tristemente noto perché già in passato teatro di diversi suicidi. La donna, sposata e madre di una bimba, ha fatto un volo di oltre 20 metri che non le ha lasciato scampo. L’allarme per la tragica morte della donna è stato lanciato da alcuni residenti di Via Bersaglieri, i quali hanno subito allertato le forze dell’ordine.

Sul luogo del tragico gesto è intervenuta l’automedica del 118 e la Croce Verde, inoltre è atterrata l’eliambulanza nei pressi di un noto locale, che si trova a pochi metri da dove si è suicidata la donna. Sembra che la giovane mamma fosse ancora viva e che è poi morta durante il tragitto in ambulanza. Dopo il suicidio, è stata chiusa per due ore la circolazione al Montirozzo e in via Bersaglieri per permettere alla polizia giunta sul posto di effettuare i rilievi. Da quanto si apprende, negli ultimi tempi la giovane di 35 anni era entrata in depressione.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM