Il torneo di calcetto si trasforma in un incubo

Maicol Casteònuovo
Maicol Casteònuovo (Facebook)

Maicol Castelnuovo, residente ad Aymavilles (Aosta), aveva solo 25 anni e una grandissima passione: il calcio. Il giovane faceva il portiere in Eccellenza e giocava in prestito come secondo portiere al Charvensod. Maicol, che per guadagnarsi da vivere faceva il barista, è morto durante il Trofeo Città di Aosta, un torneo di calcio a cinque che si è svolto questo pomeriggio nel centro del capoluogo valdostano. Maicol, che oggi difendeva i pali della squadra Café du Centre contro la Kruder Gelato Pazzo, improvvisamente è stato colto da un malore e si è accasciato al suolo. Il 25enne è stato immediatamente soccorso e sul posto era anche presente un defibrillatore che è stato utilizzato per tenerlo in vita in quei primi concitati momenti.

Maicol è stato messo sull’ambulanza del 118 ma durante il viaggio disperato verso l’ospedale ha avuto un altro arresto cardiaco. Giunto in ospedale in condizioni disperate, ma ancora vivo, è morto poco dopo il suo ingresso al pronto soccorso. Il torneo di calcetto, che era iniziato da pochi minuti, è stato ovviamente cancellato in segno di lutto e rispetto. “Non riesco a credere a questa tragedia che ci ha colpito – commenta Walter Pizzurro, presidente dell’ASD Valdostana, organizzatore dell’evento, che ha seguito il giovane portiere in ospedale dove ne ha appreso il decesso – Maicol era un ragazzo d’oro, benvoluto da tutti, un amico. Non so cos’altro dire se non che sono distrutto”.

Maicol Castelnuovo

F.B.