Tragico fuoripista al rally di Piedimonte Etneo, gravi alcuni spettatori

Websource/Archivio

Terrificante incidente in un rally che si stava svolgendo quest’oggi nel catanese,  una delle auto partecipanti alla crono scalata di Piedimonte Etneo (paesino situato alle faglie del vulcano Etna e in provincia di Catania) è uscita improvvisamente fuori strada finendo addosso agli spettatori. Il sinistro, le cui cause sono ancora al vaglio, ha avuto gravi conseguenze: otto sono, infatti, gli spettatori feriti, due dei quali sono in gravi condizioni e rischiano la vita.

I due feriti gravi, una donna ed il figlio di 15 anni, sono stati portati al pronto soccorso ‘Cannizzaro’ di Catania con l’eliambulanza. Il ragazzo ha subito un politrauma con lesioni interne ed è stato immediatamente portato in sala operatoria per un intervento d’urgenza. Qualora l’intervento andasse a buon fine, il quindicenne verrebbe comunque portato al reparto di rianimazione. La madre del ragazzo ha anche lei subito un politrauma con annessa frattura al bacino, le sue condizioni però sono meno gravi  di quelle del figlio ed i medici stanno decidendo come intervenire. Gli altri sei spettatori coinvolti nell’incidente hanno subito ferite meno gravi, quattro di loro si trovano all’ospedale di Acireale (Catania), mentre gli altri due si trovano all’ospedale di Taormina (Messina) per accertamenti.

A causa dell’incidente l’evento è stato interrotto, sembra, inoltre, che il rally non fosse autorizzato dall’Aci sport e che non dipendesse dunque dalla federazione italiana rally. Sul luogo dell’incidente sono giunti anche gli agenti di polizia per verificare che questo non sia stato causato dalla mancanza di misure di sicurezza idonee. L’incidente dimostra ancora una volta la pericolosità di simili competizioni, solo qualche settimana fa, a causa di un incidente occorso al Rally di San Marino, un pilota riminese aveva perso la vita. Non di rado, per altro, i fuori pista dei partecipanti coinvolgono gli spettatori, i quali per avere una visuale migliore si mettono in punti del tracciato ad alto rischio: lo scorso 30 maggio, ad esempio, durante il rally di Torino è morto un bambino .

F.S.