La mamma di Emanuela Orlandi: “Il Vaticano mostri il dossier segreto”

Emanuela Orlandi (foto dal web)

Torna a parlare  Maria Pezzano Orlandi, la mamma di Emanuela Orlandi, la quale ha scritto una lettera di suo pugno al Segretario di Stato vaticano, Angelo Becciu. Nei giorni scorsi, i legali degli Orlandi, Annamaria Bernardini De Pace e Laura Sgrò, avevano chiesto di poter accedere al dossier segreto sulla quindicenne scomparsa nel 1984, custodito dal Vaticano, ma nel giro di un’ora era arrivato il diniego. Ora la madre della giovane denuncia: “Risiedo in Vaticano, stavo ancora bevendo un caffè con il mio avvocato, quando le agenzie di stampa si sono scatenate con le sue durissime parole: ‘Per noi il caso è chiuso’. Non era passata neanche un’ora da quando la mia famiglia aveva rivolto formalmente al Segretario di Stato la richiesta di vedere il fascicolo che riguarda Emanuela e il caso era già chiuso”.

La mamma di Emanuela Orlandi ha attaccato: “Io attendo da 34 lunghi anni di sapere cosa è successo a mia figlia e la sua risposta è giunta dopo una manciata di minuti. La mia bambina, il ‘caso chiuso’ non meritava. I casi di scomparsi si chiudono in due modi: con il ritrovamento in vita di chi è sparito o con l’accertamento della morte. È allora ditemi se è viva o dove è sepolta: voglio portarle dei fiori”. L’esistenza del dossier segreto custodito segretamente nell’archivio di Stato Vaticano era emersa dalle carte del processo Vatileaks, ma monsignor Becciu aveva replicato alla richiesta di accesso agli atti: “Non so se la magistratura italiana abbia nuovi elementi, ma da parte vaticana non c’è nulla da dire in più di quanto non si sia già detto”.

Quello di Emanuela Orlandi resta oltre trent’anni dopo un caso ancora aperto. Due anni fa, la Procura di Roma ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sulle sparizioni di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori, scomparse rispettivamente il 22 giugno e il 7 maggio 1983. Lo aveva reso noto il procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone. La Procura spiegava che “all’esito delle indagini che hanno approfondito tutte le ipotesi investigative man mano prospettatesi non sono emersi elementi idonei a richiedere il rinvio a giudizio di alcuno degli indagati”.

In dissenso con alcuni aspetti della richiesta fatta dalla Procura, ha scelto di non firmare l’archiviazione il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, ovvero il magistrato che negli ultimi anni ha coordinato l’inchiesta, il quale ha anche “richiesto la revoca dell’assegnazione del procedimento”. Da quella richiesta oggi emergono particolari caduti nell’oblio, riguardanti uno dei protagonisti del caso Orlandi, un amico della ragazza scomparsa. A settembre scorso, invece, la trasmissione ‘Chi l’ha visto?’ aveva fatto ascoltare un audio in cui pare sia incisa la voce di Emanuela Orlandi.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM