Rapita per oltre un anno, lancia un Sos in chat – FOTO

Hailey Burns (foto dal web)

Il suo caso aveva tenuto a lungo in apprensione, ma ora Hailey Burns, 17 anni, è stata trovata sana e salva sabato mattina a Duluth, nello Stato USA della Georgia. Di lei si erano perse le tracce il 23 maggio 2016, quando sparì dalla sua abitazione a Charlotte, Carolina del Nord. Si era appreso che l’adolescente da circa sei mesi chattava con Michael Ren Wysolovski, oggi 31enne. Più volte il giovane le aveva chiesto di incontrarla e alla fine Hailey Burns aveva ceduto alle sue lusinghe. “Se l’è portata con lui in macchina direttamente a casa. È rimasta lì per tutto questo tempo”, ha detto sua mamma Shaunna a un giornalista, dopo che la figlia adolescente è stata ritrovata.

In sostanza, per tredici lunghi mesi, Hailey Burns, che soffre della sindrome di Asperger, disturbo imparentato con l’autismo, sarebbe stata tenuta prigioniera di Wysolovski e in un’occasione un vicino di casa avrebbe addirittura testimoniato di aver visto la giovane fuori dalla casa di Duluth del suo aguzzino. La 17enne è riuscita ad entrare in contatto con una donna in Romania tramite una chat e le ha raccontato la sua storia. Questa – dapprima diffidente – ha deciso di fare delle verifiche in Rete, scoprendo che la vicenda era drammatica e reale, quindi ha allertato le forze dell’ordine.

Hailey Burns non sapeva però dove fosse tenuta prigioniera e così ha scattato una foto fuori dalla finestra. Da questo dettaglio è partita l’indagine, risalendo alla casa dove era tenuta nascosta l’adolescente. Spiega ora sua madre: “È un sogno. Sappiamo come vanno a finire queste storie; questa è l’eccezione che conferma la regola. Vogliamo che la gente sappia che ci sono conclusioni felici a questo tipo di storie”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM