Arrestato un dirigente sportivo: adescava le vittime sui social

(Websource/archivio)

Esplode un nuovo caso di pedofilia nel calcio giovanile: un uomo di 24 anni della provincia di Cuneo utilizzava falsi profili femminili ed entrava in contatto con le sue vittime, quasi sempre minorenni. Riusciva a sedurre i ragazzini e a farsi spedire le loro foto in atteggiamenti intimi oppure nudi. Il giovane è ora finito ai domiciliari: secondo quanto risulta, era riuscito in appena tre anni ad adescare oltre cento minori usando la tecnica dei profili fake sui social network, almeno quattro da quanto risulta dalle indagini della polizia postale.

Il 24enne, residente nel cuneese, è un dirigente sportivo nel mondo del calcio e proprio da qui è partita la prima denuncia, un paio di anni fa, quando un calciatore allora 14enne ha raccontato agli investigatori di essere stato adescato da una ‘coetanea’ che lo aveva ricattato e convinto a mandare diverse foto spinte. Gli inquirenti ritengono che attraverso quei profili fake il giovane soddisfaceva le proprie perversioni sessuali, arrivando a proporre menage a trois. Purtroppo quella dei minori adescati su Internet è una piaga che prende piede, come ha spiegato Antonello Soro, Garante della privacy, il quale ha lanciato ai genitori l’accorato appello a non condividere foto dei propri figli sui social network.

L’episodio arriva a tre mesi da un altro caso eclatante: all’epoca un allenatore 20enne era finito ai domiciliari. Con lui è finito in manette un allenatore 50enne che sfruttava il collega più giovane per collezionare materiale pedopornografico, mentre è stato disposto l’obbligo di firma nei confronti di un professionista 49enne, arbitro di calcio per passione, che invece tentava approcci sessuali con i minori. L’accusa per i tre è a vario titolo di pedopornografia minorile e violenza sessuale. Due episodi simili sono stati denunciati nel 2014: a settembre, un uomo, allenatore di una squadra di calcio giovanile, venne arrestato dalla questura di Roma per pedofilia. Appena un mese e mezzo dopo, per molestie contro due suoi atleti venne arrestato un uomo nel milanese.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM