Bimba di un anno morta per overdose di farmaci

(Archivio/Websource)

La piccola Sophie Burgess aveva solo undici mesi quando la sua vita si è interrotta per sempre. E la causa sarebbe stata la poca accortezza di un medico che le avrebbe somministrato una dose di un farmaco ben cinque volte superiore a quella che avrebbe potuto assumere una bambina così piccola.
La bimba è arrivata all’ospedale di San Pietro a Chertsey, a Surrey e il medico che l’ha visitata ha stabilito che avesse bisogno di un’iniezione di fenitoina. Pare che a farsi avanti a quel punto sia stata l’infermiera, che avrebbe fatto presente al medico che la dose che stava somministrando alla piccola fosse eccessiva e che la bimba avrebbe addirittura potuto superare la crisi senza medicinale, ma il dottore ha proseguito ugualmente su quella strada e la bambina ha perso la vita poco dopo.

La vicenda risale al 16 giugno dell’anno scorso, ma è proprio in questi giorni che sta giungendo a termine l’indagine. Tra gli indagati diversi medici, visti i risultati dell’autopsia condotta sul corpicino della piccola Sophie, che avrebbe attribuito la causa del decesso a un’overdose del farmaco. Per due mesi la bimba ha infatti sofferto di infezioni e gravi crisi, fino a spegnersi poi per sempre. La polizia sta chiudendo le indagini per fare un riesame, mentre la famiglia della piccola chiede che venga fatta giustizia.
BC