23enne italiano ucciso a Londra: arrestata una persona

Pietro Sanna (foto dal web)

Svolta nel caso di Pietro Sanna, un giovane sardo di 24 anni, che viveva a Londra, dove è stato trovato morto accoltellato nel suo appartamento. Scotland Yard ha reso noto in un comunicato l’arresto di una donna, spiegando inoltre che oggi verrà effettuata l’autopsia sulla salma del giovane. Il laconico comunicato della polizia britannica è arricchito di indiscrezioni che arrivano in queste ore dai media locali, secondo le quali la donna arrestata è la coinquilina di Pietro Sanna. In ogni caso, la Metropolitan Police non ha fornito le generalità dell’arrestato.

La polizia aveva riferito di essere stata chiamata “a Ravenscroft Close, E16, intorno alle 11.40 locali di lunedì, dopo che un uomo è stato trovato con numerose ferite da arma da taglio in una proprietà residenziale”. Invita alla cautela l’ispettore capo Gary Holmes, che guida le indagini, che lancia anche un appello: “Nonostante l’arresto, l’inchiesta è ancora nella fase iniziale e chiedo con urgenza a chi possiede informazioni di manifestarsi. Chiedo a tutti i testimoni e a chi possiede informazioni su questo attacco fatale di contattare l’incident room il più presto possibile”.

Nelle scorse ore aveva parlato Piergraziano, il padre di Pietro Sanna, che aveva spiegato: “Alla pista del furto o della rapina, all’inizio io non ci credevo per niente, sono arrivato a Londra convinto che sotto ci fosse tutta un’altra storia. Ma ora sto cominciando a cambiare idea”. L’uomo ha ricostruito alcuni passaggi fondamentali: “Il dramma risale a domenica sera, ma noi l’abbiamo saputo ieri. Io sono partito subito e ancora non ho capito quasi nulla di quello che è successo. Gli investigatori non ci danno molte informazioni, ma il sospetto che l’assassino stesse tentando di compiere un furto sembra sempre più credibile. Pietro custodiva nella sua camera tanta attrezzatura tecnologica, forse il ladro stava tentando di portar via qualcosa e lui ha cercato di fermarlo”.

Di lei si erano perse le tracce

A trovare Pietro Sanna cadavere è stato il fratello Giomaria e non la sua coinquilina, come riferito. Il padre aveva parlato così della persona arrestata in queste ore: “Noi non l’abbiamo incontrata, non sappiamo dove sia. Sappiamo soltanto che una persona è stata interrogata oggi dalla polizia. Forse è ancora negli uffici di Scotland Yard. Del caso si stanno occupando due pool di investigatori e domani mattina ci riferiranno gli esiti degli accertamenti svolti finora. A noi tutto questo sembra incredibile”.

Ma chi era Pietro Sanna? Suo papà Piergraziano lo descrive così: “Era un grande appassionato di musica techno. Ogni tanto faceva una serata in qualche locale di Londra e pubblicava i suoi brani sui social network. Aveva tanti follower, tutti lo consideravano molto bravo. Era un bravo ragazzo, aveva grandi sogni, l’esperienza in Inghilterra gli stava regalando grandi soddisfazioni”. A luglio sarebbe tornato in Sardegna, a San Teodoro, dove i genitori gestiscono un hotel: “Non vedeva l’ora di rientrare. Ogni tanto gli chiedevo cosa avrebbe voluto fare da grande e lui mi diceva che gli sarebbe piaciuto costruire in Sardegna il suo futuro”, conclude il padre.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM