Sesso orale con uno studente nel parco: la giovane “prof” la combina grossa

(Websource / Mirror)

Sesso orale con un suo alunno adolescente in un parco pubblico. E’ questo il “fattaccio” di qui si è resa protagonista Loryn Barclay, un’insegnante di 24 anni che ora dovrà rispondere di ben sei capi d’imputazione per i rapporti sessuali “proibiti” con un 17enne di cui si è infatuata. La giovane prof avrebbe sedotto il ragazzino coinvolgendolo in una relazione protrattasi per diverse settimane, finché la Polizia non li ha “beccati” mentre erano intenti a compiere atti osceni all’interno di un’automobile in sosta in un luogo pubblico. Va da sé che il “caso” non è il primo né – purtroppo – l’ultimo nel suo genere: appena qualche settimana fa vi abbiamo riferito di una vicenda analoga, e altrettanto surreale”.

Tutto ha avuto inizio quando Barclay è stata chiamata a una sostituzione nella scuola di Monett, nel Missouri (Usa), frequentata anche dalla “vittima”. I due si sono frequentati tra novembre 2016 e gennaio 2017, e in quel lasso di tempo avrebbero fatto sesso (anche “orale”) in più occasioni. L’ultima, appunto, è stata quella a North Park conclusasi con l’intervento delle forze dell’ordine. La donna – poi licenziata dalla Monett High School – ha confessato di aver avuto rapporti “inappropriati” per due giorni a casa di lui. E il ragazzino ha confermato tutto.

Il sovrintendente del locale distretto scolastico, Brad Hanson, ha dichiarato che “non appena siamo venuti a sapete del potenziale coinvolgimento di uno studente, abbiamo seguito tutte le procedure previste in questi casi, informando il Dipartimento per l’Infanzia”. “Abbiamo avuto un colloquio con l’insegnante – aggiunge – e successivamente sospeso il suo incarico. Abbiamo agito tempestivamente”. L’insegnante è ora libera su cauzione, e tale rimarrà fino alla prossima udienza in tribunale, fissata per il 24 luglio.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS