Migranti, altri 4mila sbarchi sulle coste italiane

(Paolo Manzo/NurPhoto via Getty Images)

Sale ancora il bilancio dei migranti sbarcati sulle coste italiane. Ieri si sono registrati 2mila arrivi, mentre circa 800 persone sono ancora in navigazione nel Mediterraneo e non è stata stabilita la loro destinazione. Oggi si contano circa 4mila arrivi. In particolare, come ha spiegato la centrale operativa della Guardia costiera che coordina le operazioni, a Reggio Calabria è approdata la nave Vos Hestia di Save the Children con oltre mille persone a bordo, a Salerno la Rio Segura della marina spagnola, inserita nel dispositivo Frontex, è arrivata con circa 1.200 persone, la nave Aquarius di Sos Mediterranee a Corigliano Calabro con altri mille o giù di lì. A Messina la P62 della guardia costiera maltese con 400, e a Trapani è previsto l’arrivo di un mercantile con altrettante persone. Una situazione al limite della sostenibilità.

L’Ue, intanto, avverte: “Non chiudete i porti ai migranti”. Ma promette: “Non vi lasceremo soli”. E’ il Commissario Ue agli Affari interni Dimitris Avramopoulos a tendere una mano all’Italia: “Siamo al vostro fianco”, assicura, riconoscendo che il nostro paese è “in una pessima situazione. “Mi tengo in contatto permanente con il governo di Roma – ha affermato Avramopoulos – . La cosa più importante è che Bruxelles non lasci l’Italia da sola. Siamo al vostro fianco, capiamo perfettamente la situazione e sono sicuro che la risolveremo, anche con nuovi aiuti”. La Commissione chiederà inoltre a “tutti gli Stati membri di raddoppiare i propri sforzi” a fronte della situazione lungo la rotta del Mediterraneo centrale. Sempre oggi l’Ocse ha comunicato gli ultimi numeri sull’emergenza: l’Italia si colloca al 3° posto, dopo Usa e Germania, per numero di richieste d’asilo. Alle autorità italiane sono pervenute per l’esattezza 122.120 domande, agli Stati Uniti 261.970 e alla Germania 722.360. Contestualmente l’Ocse ha anche fatto sapere che “gli immigrati irregolari arrivati sulle coste italiane sono stati più di 180mila”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS