Si possono cancellare i brutti ricordi? Assolutamente sì, secondo uno studio

    cancellare i brutti ricordi

    Secondo un nuovo studio è possibile cancellare i brutti ricordi senza l’uso di medicine e senza ricorrere a soluzioni futuristiche come quella immaginata da Michel Gondry nel celebre film Se mi lasci ti cancello. Negli ultimi anni, la comunità scientifica ha attuato delle tecniche sperimentali per dimostrare che, nelle giuste condizioni, potremmo essere in grado di dimenticare deliberatamente qualcosa. Come funziona questo processo? Un nuovo eccitante studio ha fatto luce sulla questione. Jeremy Manning, professore di Scienze psicologiche e del cervello al Dartmouth College e Kenneth Norman, docente di Psicologia al Princeton Neuroscience Institute, hanno studiato la memoria per anni e, in un esperimento degno di nota, hanno fornito prove sul fatto che siamo in grado di dimenticare “a comando” eliminando il contesto mentale in cui i ricordi erano stati appresi.

    Lo studio è molto sofisticato ma, in poche parole, è stato insegnato alle persone a ricordare o dimenticare deliberatamente parole appena imparate. Poi è stato analizzato il cervello per vedere cosa accadeva in seguito. I due scienziati hanno notato che il cervello che provava a ricordare, manteneva attivo il contesto mentale presente durante l’apprendimento – mentre il cervello che provava a dimenticare, eliminava quel contesto, lasciando andare lo scaffale mentale che probabilmente reggeva la costruzione di quei ricordi. Il contesto è infatti la chiave per dimenticare, e ha senso, dato che lo è anche del ricordo. La più potente tecnica mnemonica è quella chiamata “palazzo della memoria”, in cui gli elementi da ricordare vengono associati a specifici luoghi fisici, così da memorizzare relazioni spaziali.

    Lavinia C.

    Tutte le News di Oggi – VIDEO