Così Johnny lo Zingaro è evaso dal carcere

Websource/Archivio

Questa mattina la polizia di Fossano ha ufficialmente aperto la caccia a Giuseppe Mastini, conosciuto anche come Johnny lo Zingaro, detenuto, condannato all’ergastolo, che è riuscito ad eludere la sorveglianza vigilata e fuggire. Mastini era stato condannato all’ergastolo per una serie di omicidi che negli anni ’80 aveva sconvolto la città di Roma. Dopo anni di isolamento e carcere duro, lo scorso agosto gli era stato convalidato uno stato di semi libertà. Oltre all’obbligo di firma, aveva quello di presentarsi quotidianamente alla scuola di polizia penitenziaria per svolgere dei lavoretti.

Fino ad ora Mastini non aveva mai disertato un giorno di lavoro, ma ieri non si è presentato e a partire da ieri sera è stato diramato un mandato di cattura per il detenuto che risulta formalmente evaso. Le ricerche, cominciate ieri sera, sono coordinate dal capo della polizia penitenziaria di Fossano, Eraclio Stefano Seda, e vi parteciperanno anche le altre forze dell’ordine. Secondo quanto dichiarato dalle forze dell’ordine, l’evaso avrebbe preso un taxi e si sarebbe fatto accompagnare fino a Genova, le indagini di ricerca, quindi, cominceranno proprio dal capoluogo ligure.

Johnny lo zingaro è un soggetto pericoloso, un serial killer, che si porta dietro un numero ingente di omicidi che sono cominciati quando aveva 15 anni: una sera del 1975, insieme ad un complice, ha rapinato l’autista di tram, Vittorio Bigi. Durante la rapina qualcosa va storto e i due quindicenni fanno partire due colpi di pistola. Nel 1987 aveva ricevuto un permesso premio ed aveva approfittato della situazione per evadere. In quella occasione, invece di stare tranquillo e nascosto, si è fatto individuare per una serie di rapine e, prima che venisse arrestato nuovamente, si è reso colpevole dell’uccisione di un poliziotto in uno scontro a fuoco. Anni dopo la sentenza di condanna ed il successivo ergastolo (1989) alcuni suoi complici lo hanno accusato di complicità nell’omicidio di Pier Paolo Pasolini.

F.S.