La morte assurda di una “figlia meravigliosa”: terribili sospetti sul suo ex

(Websource / Metro.co.uk)

Una “figlia meravigliosa”. Così i genitori di Molly McLaren, la 23enne brutalmente assassinata in un affollato parcheggio di un centro commerciale del Kent, in Inghilterra, ricordano la loro ragazza. Suo padre Douglas, 61 anni, è ancora sotto choc per quanto accaduto, e riesce a ripetere solo quelle due parole. Sembra impossibile che qualcuno possa averla aggredita, poi rinchiusa nella sua Citroen C1 per tagliarle la gola mentre chiedeva disperatamente aiuto.

E’ successo tutto a pochi passi dal Dockside Outlet Centre di Chatham. Ad assassinare Molly sarebbe stato un suo ex fidanzato, Joshua Stimpson, che lunedì prossimo dovrà comparire presso la Maidstone Crown Court per la prima udienza del processo a suo carico. La vittima, a quanto pare, lo aveva già segnalato alla Polizia, ed è su tali segnalazioni che ora occorrerà far luce. I familiari e gli amici della giovane studentessa di Scienze motorie e sportive di Cobham non riescono a rassegnarsi a una tragedia così assurda.

Susan Treleavan, titolare del locale Leather Bottle pub, dove Molly lavorava come barista, dice che “se ne è andata una persona adorabile. Tutti i miei dipendenti erano legatissimi a lei e sono rimasti profondamente scossi. La nostra intera comunità è in lutto”. Anche un portavoce della University of Kent, presso la quale era iscritta, ha voluto “porgere le nostre più sincere condoglianze ai familiari e agli amici di Molly McLaren in questo momento così difficile”. E molti altri l’hanno descritta come “una ragazza solare, piena di vita, della quale nessuno poteva dire qualcosa di male”. Resta ora da capire cosa abbia spinto il suo assassino a compiere un gesto così insensato.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS