Londra: migliaia di persone chiedono le dimissioni di Theresa May-VIDEO

Websource/Daily Express.co.uk

Subentrata alla guida del governo britannico dopo il clamoroso risultato in favore della Brexit, il premier britannico Theresa May ha dovuto, nel corso di questo anno, fronteggiare le difficoltà economiche inerenti all’uscita della Gran Bretagna dall’UE con una politica di “Austerity” mal digerita dai cittadini.

In questi ultimi mesi la sua posizione si è aggravata sia perché i continui attentati subito hanno mostrato la debolezza delle misure di sicurezza, sia perché le elezioni anticipate dello scorso giugno le hanno tolto la maggioranza in parlamento conferendole una leadership precaria. A questa situazione complicata si è aggiunta la tragedia della Grenfell Tower, l’incendio divampato due settimane fa che ha causato la morte di almeno 80 persone (tra queste anche la coppia italiana).

Proprio l’incendio alla Grenfell Tower è stata la classica “Goccia che ha fatto traboccare il vaso”: questa mattina, infatti, milioni di cittadini londinesi si sono dati appuntamento davanti alla sede della ‘BBC’ per protestare contro le misure di austerity del governo May. La popolazione inglese è convinta che l’utilizzo di materiali scadenti (la causa della velocità con la quale le fiamme hanno circondato la torre) sia dovuto ai tagli alle spese pubbliche, quindi, chiedono a gran voce le dimissioni del premier ed una nuova politica di investimenti da parte del governo britannico.

Il corteo è giunto infine a Parliament Square, qui i protestanti hanno osservato un minuto di silenzio per le vittime della Grenfell Tower e successivamente hanno chiesto a gran voce le dimissioni di Theresa May con cori e slogan. Si complica, dunque, la posizione del primo ministro britannico, rimasto a capo del governo solo dopo un’accordo con il DUP (partito conservatore nord irlandese) che prevede l’invio di una ingente somma di denaro per aiutare l’Irlanda del Nord. Una decisione che ha creato non pochi malumori all’interno del parlamento sia tra i laburisti che tra i conservatori (il partito di Theresa May).

F.S.

Websource/City AM

 

Websource/NDTV.com