Ancora nella pancia, viene colpito da un proiettile: il neonato miracolato

il neonato miracolato
Il bimbo è miracolosamente sopravvissuto dopo che la mamma è stata colpita da un proiettile che le ha perforato l’utero (websource)

Un neonato è miracolosamente sopravvissuto dopo che uno sparo gli ha perforato i polmoni, quando era ancora all’interno della pancia della mamma. Claudinéia dos Santos Melo, 29 anni, era infatti incinta di 9 mesi quando si è ritrovata nel bel mezzo di una sparatoria tra un cartello della droga e la polizia a Rio de Janeiro. La giovane mamma brasiliana stava in giro per negozi, per comprare le ultime cose prima del parto, quando è stata colpita da un proiettile vagante, che le ha attraversato il bacino, arrivando all’utero. Il proiettile è quindi arrivato ai polmoni del figlio, non ancora nato, strappandogli anche una parte di orecchio e causando dei danni al midollo spinale. Tre sospettati sono stati arrestati e potrebbero essere accusati grazie a dei testimoni oculari. Il bambino, Arthur, è nato in seguito ad un parto cesareo d’emergenza ed è stato immediatamente sottoposto a due operazioni salvavita. Adesso si trova all’ospedale Adão Pereira Nunes State e i dottori sostengono che potrebbe rimanere paraplegico. Il dottor José Carlos Oliveira, ginecologo e ministro della salute di Rio, ha dichiarato: “E’ un miracolo di Dio che il bambino non sia morto. Le sue condizioni sono molto gravi ed è ancora sedato”. “Stiamo aspettando che la sua situazione diventi stabile per procedere con qualsiasi altra operazione”, continua Oliveira.

La mamma al momento non è in pericolo di vita e non necessita di operazioni chirurgiche. Il marito, che era con la moglie fino a poco prima del tragico incidente, ha affermato: “Mia moglie è stata colpita da un proiettile mentre attraversava la strada per tornare a casa. Era nel panico quando mi ha chiamato per dirmi che le avevano sparato ma continuava a ripetere che era il bambino stava bene”. E continua, “E’ stato solo quando sono arrivato in ospedale che ho scoperto la gravità della situazione”. Silva, che sta facendo spola tra i due ospedali in cui sono ricoverati moglie e figlio, ha aggiunto che non gli interessa chi ha sparato, “tutto ciò che mi interessa adesso è la loro salute e prego Dio che entrambi si riprendano in fretta e che le condizioni di mio figlio non saranno così gravi come dicono i dottori”. Il quartiere in cui vive la coppia non è uno dei più tranquilli di Rio ma loro non erano mai stati vittime di violenza, almeno fino a venerdì.

il neonato miracolato
Claudinéia dos Santos Melo, 29 anni, era incinta di 9 mesi quando si è ritrovata nel bel mezzo di una sparatoria (websource)

Lavinia C.

Tutte le News di Oggi – VIDEO