Macron annulla la conferenza: “Troppo intelligente per voi”

(GEOFFROY VAN DER HASSELT/AFP/Getty Images)

Sta divampando la polemica in Francia nei confronti del neo eletto presidente della Repubblica Emmanuel Macron. Infatti la prevista e consueta conferenza stampa del 14 luglio è stata annullata dall’Eliseo con una motivazione alquanto particolare. “Ci siamo interrogati se farla o meno. Ma poi abbiamo deciso di affidare il messaggio del presidente alla forma più solenne del discorso” hanno spiegato i responsabili della comunicazione di Macron, “il suo pensiero è troppo complesso e non si presta al gioco domande-risposte dei giornalisti”. Insomma troppo intelligente per i giornalisti? O c’è un po’ di paura nell’affrontare un botta e risposta diretto?

Intanto le critiche su Macron piovono da ogni parte. “Siamo in piena deriva assolutista” dice Pierre Laurent, segretario generale del Partito comunista. “Non ci faremo intimidire da un presidente con tendenze egemoniche”, aggiunge Bruno Retaillou, capogruppo dei Repubblicani in Senato. Olivier Fauré, presidente dei socialisti all’assemblea, osserva che “l’Eliseo sta rinnovando una delle tradizioni più arcaiche della Repubblica: il ritorno del potere personale”. Oltre alla vicenda della conferenza stampa annullata fa discutere anche la convocazione solenne del Congresso a camere riunite per lunedì alla Reggia di Versailles, con la diretta tv del programma del suo mandato presidenziale. Un’iniziativa che rappresenta una novità quasi assoluta nella politica francese e che secondo molti ì l’ennesimo segnale della volontà egemonica e personalistica di Macron.

F.B.