Equitalia, multa da “record” all’imprenditore

(websource/archivio)

L’imprenditore di Nocera Inferiore Franco Tamigi, titolare di una ditta nel ramo automobilistico, si è visto recapitare la tanto temuta busta di Equitalia. Tutti, anche chi è certo di non avere nulla da temere né nessuno scheletro nell’armadio, inizierebbero a sudare freddo di fronte a quella busta perché spesso ciò che vi si trova all’interno è qualcosa di poco gradevole. Quando l’uomo ha aperto la lettera per un attimo non ha creduto ai propri occhi, poi ha tirato un sospiro di sollievo e infine è scoppiato in una sonora risata.

Infatti la multa comminatagli era soltanto di 0,01 centesimo di euro. In sostanza è costato più l’invio della comunicazione ad Equitalia di quanto incasserà dal signor Tamigi. Lui ovviamente, scampato il pericolo, l’ha presa con una certa filosofia: “Purtroppo – ha commentato – questa è l’Italia. Si può mandare ad un contribuente la multa di un importo così misero? Immagino quanto sia costato allo Stato, e quindi a noi cittadini, l’intero procedimento. Magari chiederò la rateizzazione”.

F.B.