Malato terminale prova farmaco sperimentale, l’esito è strabiliante

(Websource / Mirror.co.uk)

Un anziano malato terminale di cancro ha svelato le analisi che dimostrano i miglioramenti ottenuti sperimentando un nuovo farmaco. L’inglese Michael Prestidge, 59 anni, ha un linfoma non di Hodgkin e per oltre un anno l’ha combattuto con le cure tradizionali senza avere risultati. All’inizio di quest’anno però, Michael ha deciso di sperimentare un farmaco conosciuto con il nome di ADCT-402 e i risultati ottenuti sono sorprendenti. Le lastre effettuate dopo 5 settimane di trattamento mostrano un netto miglioramento rispetto a quelle effettuate prima di iniziare la cura sperimentale. Michael è malato dal 2015 e non era mai migliorato in questo modo, come ha spiegato lui stesso al Manchester Evening News: “Continuavo a svegliarmi per i dolori durante la notte. Sono andato all’ospedale e inizialmente hanno pensato si trattasse di calcoli biliari o ai reni”. Poi la scoperta del cancro e un’iniziale parvenza di remissione dopo la chemio, ma nel giro di 12 mesi il tumore si è ripresentato e Michael ha deciso di provare varie strade per combatterlo: sei diversi tipi di terapia, di cui quattro sperimentali. Ma è stata solamente l’ultima, quella basata sul farmaco ADCT-402 a portare dei risultati apprezzabili: “È rassicurante avere una risposta positiva a queste cure e spero che i miglioramenti continuino, anche se capisco quanto possa essere imprevedibile questa malattia”. Nutro speranza per il mio futuro, ma vivo un giorno alla volta”. Il suo consulente medico, il professor John Radford, ha aggiunto: “Abbiamo ancora molte ricerche da fare sull’efficacia dell’ADCT-402. Il cancro è una malattia complessa e non tutti i pazienti rispondono allo stesso modo. Ad ogni modo i risultati sin qui ottenuti sono promettenti”.

S.L

TUTTE LE NEWS DI OGGI