Inps: “I migranti ci servono, senza di loro 38 miliardi in meno”

(Websource/archivio)

Consapevole di essere impopolare, ma forte della verità e dell’ineluttabilità dei numeri, Tito Boeri, presidente dell’Inps, ha fatto una dichiarazione importante in merito alla presenza di migranti sul nostro territorio. Infatti secondo una simulazione realizzata dall’istituto di previdenza emerge che la chiusura delle frontiere ai cittadini extracomunitari fino al 2040 comporterebbe per le casse dell’Inps una perdita di 38 miliardi di euro. In sostanza avremmo 73 miliardi in meno di entrate contributive e 35 miliardi in meno di prestazioni sociali destinate agli immigrati il che significa per l’appunto “un saldo netto negativo di 38 miliardi”. Si tratterebbe di “una manovrina in più da fare ogni anno per tenere i conti sotto controllo” ammonisce Boeri.

Secondo il presidente dell’Inps, non nuovo a ragionamenti di questo tipo, “una classe dirigente all’altezza deve avere il coraggio di dire la verità agli italiani: abbiamo bisogno di un numero crescente di immigrati per tenere in piedi il nostro sistema di protezione sociale”.

“Gli immigrati che arrivano in Italia sono sempre più giovani e rappresentano 150mila contribuenti in più ogni anno. Molti – spiega Boeri – lasciano il nostro Paese prima di maturare i requisiti per la pensione e ci regalano i loro contributi. Nostre stime prudenziali sono ad oggi di circa un punto di Pil. Abbiamo perciò bisogno di più immigrati. Impedire loro di avere un permesso di soggiorno quando sono in Italia è la strada sbagliata perché li costringe al lavoro nero e li spinge nelle mani della criminalità”.

Boeri poi conclude così il suo ragionamento: “I migranti compensano il calo delle nascite nel nostro Paese, la minaccia più grave alla sostenibilità del nostro sistema pensionistico, che è attrezzato per reggere ad un aumento della longevità, ma che sarebbe messo in seria difficoltà da ulteriori riduzioni delle coorti in ingresso nei registri dei contribuenti rispetto agli scenari demografici di lungo periodo”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.