Investe una giovane atleta in bici, poi si dà alla fuga

Silvia Colussi (Facebook)

C’è molta apprensione in queste ore per la 32enne Silvia Colussi, triathleta investita lungo la strada a scorrimento veloce Cimpello-Sequals, nei pressi di Spilimbergo. L’investimento è avvenuto intorno alle undici di questa mattina. Chi l’ha presa sotto mentre si allenava in sella alla sua bici si è allontanato senza prestare soccorso. Dopo la tragica morte di Michele Scarponi prima e di Nicky Hayden poi, quest’ultimo deceduto dopo alcuni giorni di agonia, si torna dunque a parlare dei rischi per gli atleti che scelgono di allenarsi su strada. La polizia stradale, che sta facendo indagini per identificare il pirata della strada, ha fatto sapere che non ci sarebbero testimoni di quanto accaduto.

Silvia Colussi, che vive a Valvasone, è molto conosciuta nel mondo del triathlon e fino a pochi mesi fa è stata tesserata per il San Vito Triathlon. L’atleta ha vinto in carriera molte gare, una delle ultime era stata nel settembre scorso il campionato Italiano CSEN di Swimrun, tenutosi all’Aquaticrunner XTriM Border Lagoon Grado – Lignano. Dopo l’urto è finita nel fossato che costeggia la carreggiata: ad accorgersi di lei un passante, che ha quindi chiamato i soccorsi del Suem 118. Silvia Colussi è stata dapprima portata all’ospedale di Pordenone e poi trasferita in elicottero a Udine. Appresa la notizia, in tanti hanno scritto sul profilo della triathleta per manifestarle la propria vicinanza: “È ora di correre la corsa più importante della tua vita. Forza Silvia”, è uno dei messaggi più sentiti. Qualcun altro scrive: “È ora di finirla, forza Silvia non mollare”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM