Il liquido rosso che esce dalla carne cruda non è sangue, ecco cos’è

carne cruda

Tutti noi abbiamo notato il liquido rosso che esce dalla carne cruda appena acquistata. In alcuni supermercati, per renderlo meno visibile hanno anche adottato l’escamotage delle vaschette nere, così che il rosso sia meno evidente. Al contrario di ciò che probabilmente tutti noi abbiamo sempre pensato, quel liquido non è sangue – e tantomeno indica la freschezza del prodotto. E’ una sostanza completamente diversa, un mix di acqua e mioglobina, una proteina presente in tutti gli esseri viventi. La mioglobina trasporta ossigeno alle cellule muscolari e solo in presenza di quest’ultimo, questa proteina reagisce formando l’ossimioglobina, che dona al prodotto il colore rosso. Il colore rosso è dato da un pigmento, chiamato eme, presente nella mioglobina. Nel momento in cui la carne viene cucinata, il colore della mioglobina cambia, diventando marrone, perchè, a contatto con il calore, la struttura molecolare cambia completamente.

Qualche curiosità sulla carne

E’ uno degli alimenti più consumati: in media un cittadino dell’Unione Europea consuma 85kg di carne l’anno, mentre in Africa si arriva appena a 5kg pro capite. Secondo alcune stime della FAO (l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) nel 2050 il consumo arriverà addirittura al doppio. Per questo motivo gli scienziati stanno sperimentando la carne artificiale, creando tessuti animali in provetta. Il consumo eccessivo di carne, secondo moltissimi è esperti, è associato a malattie cardiovascolari, forme tumorali, diabete di tipo 2 e alti livelli di colesterolo nel sangue. La carne di animali allevati in modo intensivo, oltre ad essere meno ricca di nutrienti, fornisce inoltre un apporto di acidi grassi non equilibrato.

Lavinia C.

Tutte le News di Oggi – VIDEO