Il “miracolo” della bimba lasciata tra i rifiuti e divorata dalle formiche – VIDEO

(Websource / Mirror)

Abbandonata nella spazzatura come una bambola rotta e (quasi) divorata dalle formiche. E’ la “disavventura” vissuta da una neonata in un villaggio della Thailandia. La piccola è stata salvata per miracolo lo scorso 3 luglio da un netturbino, Rungroj Attra, 53 anni. L’uomo ha scoperto durante il turno di notte che “qualcosa” si muoveva tra i sacchi della spazzatura e, accortosi della bimba, ha subito allertato la Polizia di Chonburi, che l’ha messa in salvo.

Rungroj si è accorto che la bimba aveva un battito cardiaco debole e numerosi segni sul corpo di punture, presumibilmente dovute all'”attacco” di alcune grosse formiche carnivore che avrebbero anche potuto ucciderla. Non appena giunti sul posto i paramedici hanno provato a salvarla e la piccola ha risposto al “tocco” di un’infermiera scoppiando in un rassicurante pianto. “Sono felice che la bambina sia sopravvissuta – ha commentato il suo ‘salvatore’ – . Sono stato così felice quando ha pianto. Non posso credere che ci siano genitori capaci di fare questo. Sono persone senza cuore. Come si fa a non amare una creatura così?”.

Subito dopo la neonata è stata trasferita all’ospedale di Chonburi e curata: oggi si è quasi completamente rimessa e, per il momento, è stata affidata alla Polizia, che sta ancora cercando di rintracciare la madre. Il capo della Polizia locale, Nattawut Na Chiangmai, ha spiegato: “Sospettiamo che l’intenzione della madre fosse quella di lasciarla morire, è molto probabile che se quell’uomo non l’avesse vista sarebbe deceduta entro poche ore”. Ora non resta che augurarle il meglio.

EDS