Bisogna fare sesso 21 volte al mese, lo dice il medico

(Websource/archivio)

L’argomento potrebbe solo apparentemente strappare un sorriso e invece è terribilmente serio. Parliamo infatti di cancro alla prostata e di come si può prevenire questo terribile male che colpisce molti uomini dopo i 40 anni. Un team di medici dell’Università di Boston, coordinati dal professor Edward Giovannucci, docente di Medicina presso il Dipartimento di Nutrizione ed Epidemiologia dell’ateneo americano, hanno eseguito studi ed esperimenti dal 1992 al 2010. In questi anni hanno chiesto a chi ha partecipato al progetto quante volte eiaculassero mensilmente in tre fasi distinte della loro vita.

Il team di medici di Boston ha poi fatto un’analisi statistica dell’enorme mole di dati raccolti ed è emerso che eiaculare 21 volte al mese riduce fino a un terzo la possibilità che si sviluppi il cancro alla prostata. Insomma l’attività sessuale, che sia di masturbazione o di rapporto con una partner, aiuta ad evitare il cancro anche se la correlazione medica e scientifica tra i due aspetti non è ancora chiara. La statistica parla però chiaro e dato che il campione preso in considerazione era davvero notevole c’è da crederci. Quello che è stato provato anche scientificamente  è che una costante eiaculazione limita la “stagnazione prostatica” e consenta di espellere più facilmente sostanze cancerogene, come per esempio quelle provocate dal fumo.

F.B.