La maledizione dell’anoressia: una ragazza che ce l’ha fatta si racconta

maledizione dell'anoressia
Niamh e la mamma (Mirror.co.uk)

Una ragazza guarita dall’anoressia ha rivelato le foto di quando non mangiava praticamente nulla e faceva 50mila addominali al giorno. La ballerina Niamh Fitzpatrick ha raccontato come un crudele commento del suo ex fidanzato, le abbia scatenato a 5 anni di battaglie contro l’anoressia. Era talmente scheletrica che all’età di 15 anni, indossava vestiti per bambine di 4-5 anni ed è stata ricoverata più volte. Adesso Niamh ha 25 anni e vuole raccontare il suo lungo percorso di guarigione, con la speranza che la sua storia possa aiutare altre ragazze a sconfiggere la malattia. Niamh, che insegna danza classica a Dublino, ricorda di essere stata insicura del proprio corpo dall’età di 7 anni, quando già credeva che le sue gambe fossero grasse. “Danzo da quando sono molto piccola quindi le mie gambe magari erano più grosse delle altre a scuola, ma non capivo al tempo che erano muscoli, non grasso”, racconta Niamh.

Ora ha una normalissima taglia 42, un rapporto sano con il cibo e una pagina Instagram in cui da consigli ad altre ragazze con disturbi alimentari. “E’ facile fare paragoni con gli altri, ma devi mettere te davanti a tutto, focalizzandoti solo su te stessa”. Quando il ragazzo con cui stava a 15 l’ha scherzosamente chiamata “cicciona” e poi si è fidanzato con un’altra ragazza, la ballerina ha deciso di mettersi a dieta pensando: “Scommetto che l’altra è più magra di me”. “Già dopo solo un mese, le cose erano fuori controllo. Non mangiavo praticamente nulla”, spiega la ragazza. In aggiunta alla pericolosamente bassa quantità di cibo che ingeriva, faceva circa 50mila addominali al giorno, anche segretamente, quando la famiglia dormiva. “Ogni secondo in cui ero sola, facevo esercizio fisico. Andavo anche in bagno solo per correre sul posto, così che nessuno potesse vedermi”, dice Naimh.

Dopo qualche mese ha confidato ai suoi amici più stretti che non voleva più mangiare, e loro hanno immediatamente riferito la cosa allo psicologo della scuola. Quella notte Niamh ha detto ai genitori che aveva un problema con il cibo, “ho visto i loro cuori frantumarsi non appena ho finito la frase”. Da lì sono iniziati 5 anni dentro e fuori l’ospedale, è stata messa a letto e nutrita con un sondino. Poi, nel 2012, ha avuto un’epifania: guardando fuori dalla finestra ha capito che non voleva più quella vita, le mancava casa sua ed era determinata a tornarci. Ha riacquisito peso e dopo pochi mesi è stata rilasciata. La vita di Niamh è cambiata radicalmente, ora ha un lavoro fantastico, buoni amici ed è determinata a usare la sua esperienza per aiutare gli altri. “Adesso sto bene. Ancora non mangio tutto, ma il cibo non controlla la mia vita adesso. Posso andare a cena fuori o a mangiare un gelato. Vado anche in vacanza con le amiche, tutte cose che prima non avrei mai fatto”, conclude la coraggiosa e determinata Niamh, che ha da poco aperto la sua accademia di ballo.

FOTOGALLERY

Lavinia C.

Tutte le News di Oggi – VIDEO