Acrobata muore durante il concerto, i Green Day continuano lo show

Websource/Mirror.co.uk

Si è scatenata una bufera sui social dopo che è giunta la notizia che il concerto dei Green Day al ‘Madcool’, festival di musica rock che si tiene a Madrid, è continuato nonostante un acrobata fosse appena caduto da 30 metri perdendo la vita. La vittima si chiamava Pedro Aunion Monroy ed aveva solamente 42 anni.

Ieri sera, pochi momenti prima che la band punk rock americana entrasse sul palco, un acrobata ha perso la presa ed è caduto davanti a 35.000 persone. Informati dell’accaduto, gli organizzatori dell’evento hanno deciso di far continuare il concerto. Al termine dell’esibizione i Green Day hanno pubblicato un messaggio sul loro profilo Twitter ufficiale, in cui informavano i fan di non essere a conoscenza dell’accaduto e di averlo scoperto solo dopo aver finito il concerto. Queste le parole rilasciate dai musicisti americani: “Siamo venuti a conoscenza di una notizia terribile appena lasciato il palco del Madcool. Un coraggioso artista di nome Pedro ha perso la vita sta notte in un tragico incidente. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno ai familiari e agli amici”.

Nonostante le parole di cordoglio rilasciate dalla band a fine concerto, c’è chi non crede che i musicisti non fossero a conoscenza di quanto accaduto e critica aspramente la loro decisione e quella degli organizzatori di continuare il concerto come se nulla fosse accaduto. Ad esempio Javier Erquiaga ha scritto: “Vergognatevi. Un artista precipita a venti metri dal palco, di fronte a voi e continuate a suonare? La peggiore band del mondo”. A questa affermazione fa eco l’attore britannico Adrian Randle che era presente al concerto, proprio per ascoltare i Green Day: “Non posso essere in buona fede se resto a guardare i Green Day dopo quello che è successo”. In seguito alle polemiche, gli organizzatori hanno comunicato alla stampa spagnola di aver preso la decisione di continuare solo dopo essersi consultati con la polizia.

Websource/Mirror.co.uk

F.S.