E’ la famiglia più isolata del mondo: vive a centinaia di km dalla civiltà

famiglia più isolata del mondo
Gli Atchley abbandonano la solitudine e l’isolamento solo un mese l’anno, quando vanno a trovare la famiglia in Alabama (The Sun)

Per molti di noi, vivere in un posto pacifico, autosufficiente, lontano da tutto e da tutti, è solo un sogno. Ma per la famiglia Atchley, che da 18 anni vive fuori dal mondo in Alaska, la vita normale è solo un lontano ricordo. David, Romey e loro figlio Sky, 13 anni, sono gli unici esseri umani presenti nel tratto di 400 km che costeggia il fiume Nowitna. Questa famiglia hippy si è liberata della società per costruire la loro vita, forgiando un mondo in cui solo loro tre sono importanti. Fairbanks, la cittadina più vicina, è a 320 chilometri ed è lì che gli Atchley comprano le provviste. Nella landa desolata dell’Alaska, non ci sono altre persone che possono farti innervosire, nessuna promozione da inseguire e decisamente nessuna bacheca Facebook da controllare. Lì, la famigliola amante della marijuana, non ha nulla di cui preoccuparsi, fatta eccezione per gli orsi, lupi affamati, gli incendi della foresta, il ghiaccio, le malattie e le temperature che scendono sotto i -60 gradi.

Il fotogiornalista Ed Gold, in una serie di meravigliosi scatti, ha immortalato la curiosa vita della famiglia non convenzionale. Gli Atchley sono talmente isolati dal mondo che hanno abbandonato fastidiose consuetudini come l’ora standardizzata, scegliendo di crearne una nuova basata sulla luce in Alaska. Non c’è acqua calda, a meno che non venga bollita, e la neve è il freezer naturale della famiglia, in cui conservano cibo in scatola. Il figlio della coppia, Sky, descritto come “un esperimento sociale” dal padre, ha imparato tutto ciò che c’è da sapere dai genitori, di cui lui vuole occuparsi quando invecchieranno. Non avendo internet, la famiglia passa il tempo a giocare a Dungeon and Dragons, un gioco di ruolo fantasy, a fumare erba e Sky spesso gioca anche a videogames, come GTA. Ma non è tutto giochi ed erba, la minaccia degli orsi e dei lupi è una costante e Romey ha dovuto sparare più di una volta per proteggersi.

Prima di trasferirsi nel bel mezzo del nulla, nel 1999, David lavorava in città e Romey era una cameriera. Ora, con un figlio e un cane da mantenere, David occasionalmente lavora in una miniera o vende magliette. Altrimenti il loro unico contatto con la civiltà avviene un mese l’anno, quando Romey e Sky visitano la propria famiglia in Alabama. “Le persone vogliono sapere cosa ti fanno 18 anni in isolamento. Ti cambia. Hai tempo di fare più di due riflessioni su qualsiasi argomento. Passiamo mesi a parlare di un argomento perchè abbiamo il tempo di farlo”, dice David. “Ci mancano le persone? Non per quello che ti torna indietro, richiedono troppo lavoro”.

FOTOGALLERY

Tutte le News di Oggi – VIDEO