Orribile delitto a Parma, madre e figlia uccise in modo atroce

(Websource/web)

Nfum Patience e la piccola Magdalene Nyantakyi, rispettivamente madre e figlia, sono state rinvenute uccise in via San Leonardo, alla periferia di Parma. Entrambe erano di nazionalità ghanesi ma residenti da molto tempo in Italia, e la loro morte è da ricondurre ad una serie di numero coltellate. La 45enne e la ragazzina d 11 anni hanno subito una indicibile aggressione all’interno del loro appartamento, dove l’assassino si è accanito contro di loro rendendo la scena del delitto assolutamente raccapricciante. La polizia accorsa sul posto ha trovato sangue ovunque, sia nel corridoio di ingresso che in altre stanze, trovando parecchia difficoltà nel non alterare la scena del crimine. I primi sospetti ricadono su Solomon Nyantakyi, 21 anni, figlio di Nfum, ex giocatore del Parma convocato anche dall’allora allenatore Roberto Donadoni in prima squadra nell’ultimo anno di Serie A della compagine emiliana. E’ stato un terzo figlio, Raymond, ad essersi accorto di quanto era successo: quest’ultimo, 25 anni, era tornato a casa da lavoro trovando i corpi della madre e della sorella, ed aveva avvertito dapprima una vicina di casa e poi il 113. L’uomo è già stato interrogato in Questura per raccogliere delle informazioni utili. Nel frattempo Solomon è irreperibile, e questo sembra sufficiente a far pensare che la responsabilità di quanto successo sia sua.

I cadaveri delle due vittime sarebbero stati trovati in sala da pranzo, ma le forze dell’ordine avrebbero riscontrato diverse tracce di sangue anche in altre camere. Per quanto riguarda Solomon, il suo telefonino risulta staccato. La carriera da calciatore era finito anzitempo a causa dei suoi limiti comportamentali e caratteriali, nonostante l’esordio nelle giovanili del Parma e la vittoria di uno scudetto Allievi assieme a giocatori diventati famosi come Albert Cerri e Josè Mauri. L’ultima squadra in carriera era stata l’Imolese, in passato Solomon Nyantakyi era stato anche vicino al Milan. Il padre ha saputo della notizia mentre era all’estero, e precisamente in Inghilterra, dove lavora. Ieri pomeriggio verso le 14:30 i vicini di casa avrebbero sentito le urla della bambina che invocava la mamma, poi l’improvviso silenzio. La donna era rientrata da poco da una vacanza di alcuni giorni in Ghana, e risiedeva ormai da diverso tempo in Italia.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI