Pamplona, attivisti assaltano la corrida: “Ora basta” – VIDEO

(ritaglio video)

Gli attivisti vegan hanno preso d’assalto un’arena per proteggere un toro sanguinante e ora chiedono la fine di uno “spettacolo abusivo e arcaico”. Video inquietanti mostrano il toro che si trova a terra con ferite da taglio, sembra che stia morendo colpito da un pugnale. A distanza di qualche minuto, attivisti sono poi visti correre. L’episodio si è verificato nell’arena di Pamplona, che si trova nella Spagna settentrionale. Un membro del Vegan Strike Group che aveva il messaggio Basta Corrida, “Stop Bullfights”, dipinto sul suo corpo, teneva in mano un cartello che recitava “La corrida è tortura”. L’uomo salta sul toro per proteggerlo prima di essere portato via da funzionari.

L’azione si è svolta durante la famigerata festa di San Firmino, durante la quale 54 tori sono fatti correre lungo le strade scivolose di ciottoli prima di essere picchiati, maltrattati e pugnalati a morte nell’arena. L’iniziativa fa parte di una campagna più ampia da parte del gruppo per impedire agli animali di essere abusati e uccisi per l’intrattenimento umano. Peter Janssen, del gruppo di Vegan Strike, ha dichiarato: “Il toro è stato terrorizzato e straziato di dolore, non potevano lasciarlo morire da solo. Rappresento la maggior parte delle persone in tutto il mondo che chiedono la fine di questo crudele evento”.

“La corrida è uno spettacolo abusivo e arcaico che non ha posto in una società civile”, ha aggiunto il direttore della PETA Elisa Allen, ricordando come “la PETA riconosce questi coraggiosi manifestanti” e “ricorda agli spettatori che tormentare e uccidere gli animali per il cosiddetto” divertimento “è spregevole”. Al momento oltre cento città spagnole hanno bandito la corrida. Ma a Pamplona, i tori sono tormentati con scariche elettriche e bastoni taglienti prima di farli correre per strada. Nell’arena, ben otto uomini scherniscono, battono e colpiscono un singolo toro con pugnali finché non si indebolisce a causa della perdita di sangue. Poi, il matador colpisce l’animale esausto con una spada nel tentativo di tagliare il suo midollo spinale. Non è la prima volta che gli animalisti prendono d’assalto la tradizionale festa di Pamplona.

GM