Getta la nipote nel cassonetto e scappa: “Salvata dalle urla”

(Websource / archivio)

L’ha gettata in un cassonetto dell’indifferenziata come fosse un normale “rifiuto” e si è allontanato, sperando di cavarsela così. Poi, però, le urla dei passanti che si erano accorti del suo orrendo gesto, e alla fine il nonno-mostro è stato rintracciato e arrestato. L’uomo, un cittadino cinese 55 anni, è stato individuato dai Carabinieri di Roma e dovrà ora rispondere del reato di “tentato abbandono di minore”. La vittima, una bimba di appena tre anni, sarebbe già in buone condizioni, nonostante il trauma subito.

I fatti sono accaduti a Roma alle 21:30 dello scorso martedì 11 luglio, in via Santa Maria alle Fornaci, zona Gregorio VII. Qui all’altezza dei cassonetti con via delle Fornaci. l’uomo è stato visto prendere la piccola e gettarla letteralmente nella spazzatura. Una scena che non è passata inosservata a diversi residenti, che hanno cominciato a urlare e inveire contro lo stesso. Questi ha tentato di portare a termine l'”impresa”, ma senza riuscirci, per l’impossibilità di chiudere il cassonetto. Messo alle strette, il cittadino orientale ha ripreso la bambina ed è fuggito in direzione Vaticano.

I carabinieri della Stazione Roma Gianicolense e quelli del Nucleo Radiomobile della Compagnia San Pietro, giunti sul posto, hanno raccolto le testimonianze dei cittadini ottenendo un primo identikit dell’uomo. Le ricerche sono durate poco tempo: il tizio è stato rintracciato poco distante, in un minimarket di via di Porta Cavalleggerri, di proprietà della sua famiglia. Attualmente si trova nel carcere di Regina Coeli in attesa di giudizio. La piccola, che non ha subito nessun tipo di conseguenze, è stata invece affidata a sua madre.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS