Ospita una famiglia serba: rubano tutto e lo cacciano di casa

(Websource/archivio)

Sta facendo molto discutere e suscitando parecchia rabbia la storia di Alex, un uomo residente a Bressanone, in Trentino Alto Adige. “Questa è la mia casa, quella in cui sono nato, alla quale ho dedicato tempo e denaro. Ora sono costretto ad andarmene”. Inizia così il triste e mesto racconto dell’anziano distrutto da questa vicenda. “Il Comune mi aveva chiesto di accogliere in casa mia, in una parte della mia villa, questa famiglia serba per uno o due anni, poi sarebbero stati sistemati in una casa sociale. Dicevano che era una famiglia con un po’ di problemi, ma perbene. Da subito però non hanno pagato la loro piccola parte d’affitto”.

Alex poi è dovuto andare in ospedale e quando è tornato l’amara sorpresa: “Quando sono tornato era sparito praticamente tutto da casa mia. Addirittura mancava anche il letto”. A quel punto Alex decide di reagire e insieme ad un fabbro chiude la parte di casa in cui stavano gli sgraditi ospiti. Loro quando si rendono conto di non poter rientrare in casa reagiscono in modo violento e lo aggrediscono fisicamente”. L’uomo ha provato anche le vie legali denunciando il tutto ai Carabinieri. I militari hanno trasmesso il fascicolo alla procura che si è affrettata ad archiviare il tutto con un nulla di fatto.

Alex, stanco e stremato dalla situazione, decide di svendere a metà del prezzo di mercato la propria villa, la casa che mai nella vita avrebbe pensato di abbandonare. Qui avviene l’ennesima beffa. I soldi infatti lui non li ha ancora visti: “Sono stati bloccati fino alla liberazione della casa, ma questi non se ne andranno mai. E’ impossibile”.

Da più di 5 anni dunque una famiglia serba senza alcun diritto occupa una casa non sua e dopo aver buttato fuori il legittimo proprietario continua a viverci impunita.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.

loading...